Elephas

genere di animale della famiglia Elephantidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Elephas
Elephas maximus.jpg
Elefante asiatico, Elephas maximus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Proboscidea
Famiglia Elephantidae
Tribù Elephantini
Genere Elephas
Linnaeus, 1758
Nomenclatura binomiale
Elephas maximus
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Hypselephas

Specie

Elephas è uno dei due generi viventi della famiglia degli elefanti, Elephantidae. Il genere contiene una singola specie sopravvissuta, l'elefante asiatico (Elephas maximus).[1]

Sono state, inoltre, identificate diverse specie estinte appartenenti al genere, tra cui Elephas recki, Elephas antiquus e gli elefanti nani E. falconeri ed E. cypriotes. Il genere è strettamente correlato al genere Mammuthus.[2]

TassonomiaModifica

Il genere Elephas è assegnato alla famiglia Elephantidae ed è composto da una singola specie vivente e sette specie estinte:[3]

NoteModifica

  1. ^ a b Template:MSW3 Proboscidea
  2. ^ R. C. Fleischer, E. A. Perry, K. Muralidharan, E. E. Stevens e C. M. Wemmer, Phylogeography of the Asian Elephant (Elephas maximus) based on mitochondrial DNA (PDF), in Evolution, vol. 55, #9, 2001, pp. 1882–1892, DOI:10.1111/j.0014-3820.2001.tb00837.x (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2012).
  3. ^ a b Maglio, V.J. (1973). "Origin and evolution of the Elephantidae". Transactions of the American Philosophical Society, Philadelphia Volume 63. American Philosophical Society, Philadelphia, pp. 149
  4. ^ Fernando, P., Vidya, T.N.C., Payne, J., Stuewe, M., Davison, G., et al. (2003). DNA Analysis Indicates That Asian Elephants Are Native to Borneo and Are Therefore a High Priority for Conservation. PLoS Biol 1 (#1): e6
  5. ^ Von Königswald, G.H.R. (1956). Fossil mammals from the Philippines. National Research Council of the Philippines, Manila
  6. ^ Hooijer, D.A. (1949). Pleistocene Vertebrates from Celebes. IV. - Archidiskodon celebensis nov spec.. Zoologische Mededelingen Museum Leiden, 30 (#14): 205–226.
  7. ^ Falconer, H. Cautley, P. T. (1846). Fauna Antiqua Sivalensis, Being the Fossil Zoology of the Sewalik Hills. Smith, Elder & Company, London, pp. 64.
  8. ^ Hooijer, D. A. (1955). Fossil Proboscidea from the Malay Archipelago and the Punjab. Zoologische Verhandelingen, 28 (#1): 1–146.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi