Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eleutherocarpida
Medusae of world-vol03 fig339.jpg
Haliclystus auricula, in "Medusae of the world" di A. Mayor (1910).
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Radiata
Phylum Cnidaria
Classe Staurozoa
Ordine Stauromedusae
Sottordine Eleutherocarpida
Sinonimi

Eleutherocarpidae [1][2]

Famiglie

vedi testo

Le Eleutherocarpida sono un sottordine di cnidari Staurozoa comprendente meduse sessili peduncolate ottenute dalla modificazione dell'esombrella.

Il sottordine Eleutherocarpida si distingue per l'assenza di claustrum, un tessuto che divide transversalmente le quattro sacche gastriche nelle Cleistocarpida. Questi cnidari vivono in forma bentonica, sono litoranee ed epifitiche (cioè ancorate alla vegetazione sommersa). L'ombrella caliciforme presenta 8 ciuffi marginali di tentacoli capitati ricchi di cnidociti e cellule mucipare tra le quali sono allocati i ropali.

SistematicaModifica

La classificazione tassonomica del sottordine è poco chiara: da un lato il claustrum, la caratteristica peculiare che distingue le Eleutherocarpida dalle Cleistocarpida, sembra essere presente anche in altri ordini di stauromeduse[3] ed è quindi poco indicativa come riferimento per la sistematica. Le analisi genetiche sulle specie del sottordine sono molto scarse: infatti solamente alcune Lucernariidae sono state finora analizzate. Tale analisi suggerisce che le Eleutherocarpida non formino una clade e l'intera organizzazione tassonomica delle stauromeduse andrebbe rivista[4].
Le Eleutherocarpida sono attualmente classificate in quattro famiglie secondo World Register of Marine Species e Integrated Taxonomic Information System (ITIS):

NoteModifica

  1. ^ (EN) Collins, Allen G. (2014), Eleutherocarpidae, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 23 novembre 2014.
  2. ^ (EN) ITIS Standard Report Page: Eleutherocarpidae, in Integrated Taxonomic Information System. URL consultato il 23 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Berril M., Comparative functional morphology of the Stauromedusae, in Canadian Journal of Zoology, vol. 41, 1963, pp. 741-752.
  4. ^ (EN) Collins A.G., Schuchert P., Marques A.C., Jankowski T., Medina M., Schierwater B., Medusozoan phylogeny and character evolution clarified by new large and small subunit rDNA data and an assessment of the utility of phylogenetic mixture models, in Systematic Biology, vol. 55, nº 1, 2006.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica