Apri il menu principale

Emilio Zocchi

scultore italiano

Emilio Zocchi (Firenze, 5 marzo 1835Firenze, 10 gennaio 1913) è stato uno scultore italiano.

Raffaello Sorbi, Ritratto d'Emilio Zocchi, Firenze, Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti

Cugino di Cesare Zocchi e padre di Arnoldo Zocchi, fu docente all'accademia delle Belle Arti di Firenze dal 1870.

Biografia e opereModifica

Fu dallo zio marmista che il giovane Emilio apprese i primi passi della scultura a partire dall'età di otto anni. Poi suoi maestri furono Girolamo Torrini, Aristodemo Costoli e Giovanni Dupré.[1] Del 1854 è il bassorilievo Romolo e Remo trovati dalla lupa. Attorno al 1861 si data la sua statua monumentale Alcibiade poi posta a Sansepolcro.[2]

Negli anni '60 del XIX secolo fu autore di una lunetta raffigurante la Visione di Costantino per la facciata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Sempre attorno al 1861 scolpì Michelangelo fanciullo che scolpisce il Fauno, ora conservato presso la sala delle Allegoria della Galleria Palatina in Palazzo Pitti[3].

Nel 1890 realizzò un monumento equestre a Vittorio Emanuele II d'Italia, in origine collocato piazza della Repubblica e nel 1932 spostato in piazza Vittorio Veneto alle Cascine[4].

NoteModifica

  1. ^ https://www.bonhams.com/auctions/17879/lot/180/
  2. ^ https://www.academia.edu/7269910/Una_raccolta_di_gessi_per_Sansepolcro_2006
  3. ^ Firenze e Provincia, Guida rossa TCI, 2005, p. 399 e p. 487
  4. ^ Scheda Monumento a Vittorio Emanuele II, su palazzospinelli.org. URL consultato il 9 aprile 2018.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96180964 · ULAN (EN500071466 · WorldCat Identities (EN96180964
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie