Apri il menu principale

L'epitelio di rivestimento è un tipo di tessuto epiteliale che riveste tutta la superficie esterna e gli organi del corpo umano. È formato da lamine epiteliali (cellule tutte uguali, poste molto ravvicinate fra loro e con pochissima matrice extracellulare).

Gli epiteli di rivestimento in base ad un numero di cellule si dividono in:

  • epitelio semplice o monostratificato, costituito da un solo strato di cellule;
  • epitelio composto o pluristratificato, costituito da più cellule;
  • epitelio pseudostratificato; costituito da un solo strato di cellule che hanno i nuclei disposti a varie altezze in modo da simulare più strati cellulari.

Svolge le seguenti funzioni:

  • riveste la superficie esterna e le cavità interne del corpo;
  • protegge i tessuti sottostanti da danni meccanici, fisici, chimici e dalla invasione microbica;
  • riduce le perdite d'acqua;
  • mette l'organismo in rapporto con l'ambiente circostante permettendo scambi metabolici (secrezione, escrezione, assorbimento), scambi gassosi e la ricezione degli stimoli.

I vasi non arrivano fino all'epitelio e di conseguenza questo si nutre per diffusione grazie alle creste epiteliali che si innestano nel connettivo sottostante. Le cellule dell'epitelio, quindi, non sono vascolarizzate, ma sono invece innervate.

Altri progettiModifica

  Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia