Era de maggio

canzone napoletana, basata sulla omonima poesia di Salvatore di Giacomo
Era de maggio
ArtistaAA.VV.
Autore/iSalvatore Di Giacomo (testo), Mario Pasquale Costa (musica)
GenereCanzone napoletana
Esecuzioni notevoliTito Schipa, Angela Luce, Roberto Murolo, L'Orchestra Italiana, Mina, Luciano Pavarotti
Data1885
Mario Pasquale Costa (info file)
Era de maggio — Versione strumentale

«Torna maggio e torna ammore
fa' de me chello che vuo'!»

Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, basata sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale Costa.[1]

I versi sono quelli di una canzone d'amore. Nella prima parte viene narrato l'addio, durante il mese di maggio, tra due amanti, i quali si ripromettono di ritrovarsi negli stessi luoghi, ancora a maggio, per rinnovare il loro amore. La seconda parte della canzone è incentrata sul nuovo incontro tra i due.

TestoModifica

(NAP)

«Era de maggio e te cadeano nzino,
a schiocche a schiocche, lli cerase rosse.
Fresca era ll'aria, e tutto llu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun me ne scordo,
na canzone cantavamo a doje voce.
Chiù tiempo passa e chiù me n'allicordo,
fresca era ll'aria e lla canzona doce.

E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu me lasse e io conto ll'ore...
Chi sa quanno turnarraje?"
Rispunnevo io: "Turnarraggio
quanno tornano lli rose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stongo 'ccà.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo 'ccà."

E so turnato e mo, comme a na vota,
cantammo nzieme llu mutivo antico;
passa llu tiempo e llu munno s'avota,
ma ammore overo no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, me annammuraje,
si t'arricuorde, 'nnanze a lla funtana:
Ll'acqua llà dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana.

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
'n miezo a st'aria mbarzamata,
a guardarte io nun starria !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io so.
Torna maggio e torna ammore:
fa' de me chello che vuò!
Torna maggio e torna ammore:
fa' de me chello che vuò"»

(IT)

«Era di maggio e ti cadéan sul grembo
a ciocche, a ciocche le ciliegie rosse.
L'aria era fresca, e tutto il giardino
profumava di rose a cento passi.
Era di maggio; e io no, non me ne scordo,
cantavamo, a due voci, una canzone.
Più passa il tempo e più me ne ricordo,
l'aria era fresca e la canzone dolce.

E diceva: "Cuore, cuore!
cuore mio lontano vai,
tu mi lasci e io conto l'ore...
chissà quando tornerai?"
Rispondevo: "Io tornerò
quando torneràn le rose.
Se questo fiore torna a maggio,
a maggio pure io sarò qui.
Se questo fiore torna a maggio,
a maggio pure io sarò qui".

E son tornato ed ora, come una volta,
cantiamo insieme la vecchia canzone;
passa il tempo e il mondo cambia,
ma l'amore vero no, non cambia mai.
Di te, bellezza mia, m'innamorai,
se ti ricordi, dinanzi alla fontana:
l'acqua, là dentro, non si secca mai
e ferita d'amore non si sana.

Non si sana: perché, se si fosse
sanata, o gioia mia,
in mezzo a quest'aria profumata
non starei a guardarti!
E ti dico: "Cuore, cuore,
cuore mio, io son tornato...
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi!
Torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi"»

EsecuzioniModifica

Segue un elenco parziale, in ordine alfabetico, degli artisti che hanno cantato Era de maggio:

NoteModifica

  1. ^ Vittorio Paliotti, Storia della canzone napoletana, Newton & Compton, 2007, pp. 76-77, ISBN 978-88-8183-410-5.
  2. ^ Nell'album Napoli. Punto e a capo, del 1992.
  3. ^ Nell'album Fleurs, del 1999.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica