Erario

insieme delle finanze di uno Stato

Il termine Erario (dal latino ærarium ovvero "riserva di monete", che deriva a sua volta etimologicamente da aes "bronzo", in riferimento alle prime monete romane coniate in bronzo) indica genericamente il patrimonio e la gestione delle finanze dello stato.

Evoluzione del termineModifica

Oggi, nel XXI secolo, l'erario non è più uno strumento di conservazione delle finanze pubbliche come poteva essere nel periodo dell'impero romano, e non identifica nemmeno più un ramo specifico dell'amministrazione finanziaria. La sua valenza è meramente terminologica, quindi il vocabolo "erario" viene spesso usato per esprimere una concezione storica della gestione del tesoro pubblico, oppure come sinonimo di "finanze dello Stato"[1]. Nell'ambito legislativo si è imposto maggiormente l'utilizzo dell'aggettivo "erariale", infatti si parla di imposte erariali sui terreni e sui fabbricati per distinguerle da quelle riscosse dagli enti locali.

StoriaModifica

Antica RomaModifica

La prima notizia sull'erario ci viene fornita da Tito Livio, al tempo dell'età regia di Roma con Servio Tullio[2]. Sappiamo , perché ce ne da notizia appunto Tito Livio, che il tesoro veniva custodito, dopo l'incendio del 387 a.C., nel tempio di Saturno nel Foro. Quindi fu collocato fisicamente sotto la protezione di Saturno, probabilmente per buono auspicio in riferimento al mito secondo il quale durante la reggenza terrestre di questa divinità il popolo poté godere di una vera e propria età dell'oro[3]. Inoltre bisogna ricordare che nel periodo romano il controllo della cassa fu affidato a diversi funzionari che ne cambiarono progressivamente lo scopo, facendone perdere l'utilità.

Età RepubblicanaModifica

Inizialmente l'erarium era considerato proprietà dell'intero popolo romano, e per questo posto sotto il controllo dei quaestores che raccoglievano i tributi nelle province. I quaestores erano direttamente sorvegliati dal Senato.

Età del PrincipatoModifica

Con l'avvento del Principato iniziarono a distinguersi due aree, l'area dell'entrate pubbliche e quella dell'entrate del Principe. Augusto iniziò a voler diminuire l'ingerenza del Senato sul erario affidandolo a due pretori, il loro incarico durava circa tre anni. In questo periodo sì iniziarono a creare diverse casse pubbliche ed a porle sotto il controllo di funzionari del Principe, così si diminuì ulteriormente l'efficacia del erarium. Infatti nel 6 d.C si costituì l'aerarium militare, le cui entrate provenivano dalle imposte sulle successioni e sulle vendite e serviva per pagare gli stipendi ed il premio di congedo ai veterani delle legioni.

Età ImperialeModifica

L'imperatore Claudio, nel 41 d.C , prosegui nella costituzione di altre casse pubbliche chiamate "fisci". Il termine "fisci" veniva utilizzato per sottolineare la pluralità di questi strumenti di conservazione, e diversificarne la funzione dal fisco.

Diocleziano soppresse l'erarium, perché tutte le entrate si concentravano nel fisco, ovvero la cassa dell'imperatore.

MedioevoModifica

Nel Medioevo l'erario non ebbe molta fortuna, venne sostituito dal fisco, sia dal punto di vista della terminologia legale che da quello della funzione.

Tuttavia rimase presente in un linguaggio colto[4], che aiutò a preservare il carattere generale del vocabolo.

Età ModernaModifica

Nell'età moderna, nel periodo del Regno di Sardegna, riaffiorò il termine "erario" con l'avvocatura erariale . Infatti nel linguaggio giuridico, si iniziò a fare largo uso del aggettivo "erariale" che è presente tutt'ora in diverse norme del nostro ordinamento, mentre il termine erario assunse una connotazione storica e generalista.

NoteModifica

  1. ^ Erario, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.  
  2. ^ Livio, Ab urbe condita libri I, 43, 8-10.
  3. ^ Virgilio,Saturnia regna , 4,6.
  4. ^ San.Tommaso d'Aquino, De regimine principum cap. XV.

BibliografiaModifica

  • E. Cortesi e G. Landri “Erario” in “Enciclopedia del diritto”, Milano, Giuffrè editore, 1968.
  • V. Arangio-Ruiz, Istituzioni di diritto romano, Jovene, Napoli, XIV edit.
  • G.S.Pene Vidari, Storia del diritto. Età medievale e moderna, Torino, Giappichelli, 2014.
  • G. Marongiu, Storia del fisco in Italia I, Torino, Einaudi editore, 1995.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica