Apri il menu principale
Ercole Sassonia

Ercole Sassonia, noto anche come Hercules Saxonia o Hercules Saxonia Patauinus (Padova, 1551Padova, 20 agosto 1607), è stato un medico italiano.

BiografiaModifica

È stato uno dei grandi clinici italiani del Rinascimento. La sua formazione avvenne nella città natale, dove si laureò in medicina. Nel 1590 divenne professore di medicina pratica nell'Università di Padova[1].

Insegnante di grande fascino e clinico celebrato e celeberrimo, fu invitato a Vienna dall'imperatore Massimiliano II, soggiornando alla sua corte [1]. I suoi contributi scientifici più importanti sono relativi alla semeiotica, alle malattie veneree e alle malattie cutanee

Opere principaliModifica

  • Disputatio de phoenigmorum, quae vulgo vesicantia appellantur, & de theriacae usu in febribus pestilentibus. In qua etiam de natura pestis, & pestilentium febrium nonnulla tractantur, Padova, Paulum Meiettum, 1591.
  • De Phoenigmis libri tres. In quibus agitur de vniuersa rubificantium natura, deque differentijs omnibus atque vsu. Psilotris, smegmatibus, dropacibus, sinapsismis simplicibus, ac compositis vulgo vesicantibus, de quorum usu in febribus pestilentibus multa disputantur, 1593.
  • Luis venereae perfectissimus tractatus, Padova, Paulum Meiettum, 1597.
  • De plica quam Poloni Gwozdziec, Roxolani Koltunum vocant. Liber nunc primum in lucem editus, Padova, Officina Laurentii Pasquati, 1600.
  • Opera Practica, 1607.
  • Prognoseon praticarum, 1620.

NoteModifica

  1. ^ a b Fonte: Castiglioni A., Enciclopedia Italiana, riferimenti in Bibliografia.

BibliografiaModifica

  • Castiglioni A., «Ercole Sassonia» in Enciclopedia Italiana, vol. XXX, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma, 1936, p. 896.
  • Castiglioni A.,: Storia della Medicina, II, Mondadori, Milano, 1948.
  • Pazzini A.,: Storia della Medicina, I, Società Editrice Libraria, Milano, 1947, pp. 697–698.
  • Voce «Ercole Sassonia» in Enciclopedia Biografica Universale Treccani, vol. XXVII, p. 250, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma, 2007.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74964445 · ISNI (EN0000 0001 0858 6550 · SBN IT\ICCU\BVEV\025761 · LCCN (ENno2015031521 · GND (DE130607541 · WorldCat Identities (ENno2015-031521