Apri il menu principale
Evocatus
Descrizione generale
AttivaAugusto - 476
NazioneCiviltà romana
Tiposoldato romano attivo oltre il normale mandato
Guarnigione/QGaccampamento romano
Equipaggiamentogladio, scudo ed elmo
PatronoMarte dio della guerra
Parte di
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Evocatus era un militare dell'esercito romano, tenuto in servizio oltre la durata legale, come nel caso di un certo Marco Vibennio, il quale servì per 21 anni nelle file dell'esercito romano, vivendo fino a 38 anni, e prestando così servizio oltre la normale ferma militare di 16-20 anni.[1] Il termine poteva essere applicato anche ad un ufficiale, ma a questa pratica si faceva ricorso soprattutto con soldati che possiedono un'alta qualificazione nell'amministrazione, nella polizia, nei vigili di Roma,[2] nei lavori di delimitazione e di architettura, o nei settori dell'approvvigionamento e soprattutto delle esercitazioni. Essi provenivano per lo più dal pretorio[3] o dagli Equites singulares[4] (in questo caso si chiamavano euocati Augusti),[5] a volte da una legione, come nel caso di un certo Quinto Erennio[6] o di altri miles ancora.[7] In alcuni casi si trattava di veterani richiamati in servizio attivo, per gravi crisi, come nel caso delle guerre marcomanniche della fine del II secolo, al tempo dell'Imperatore Marco Aurelio.[8]

NoteModifica

  1. ^ AE 1927, 102 (Roma): Marcus Vibennius Cai filius Palatina Severus Pisis evocatus Caesaris Augusti militavit annos XXI vixit annos XXXIIX hic situs est.
  2. ^ CIL VI, 2794.
  3. ^ CIL VI, 3893 (p 3370); AE 1933, 87.
  4. ^ CIL VI, 3214 (p 3384, 3843).
  5. ^ AE 1988, 154 (Roma): Dis Manibus Luci Vitelli Fuscini evocati Augusti ex cohorte III praetoria vixit annos XXXX et Pacciae Maternae sorori vixit annos XII fecit Cordia Verina mater et Romanius Secundinus veteranus Augusti.
  6. ^ AE 1981, 291 (Samnium / Regio IV; Alba Fucens): Quintus Herennius Quinti filius Fabia Severus evocatus Augusti donis donatus ab Imperatore coronis aureis II, legionis III Augustae in Africa centuriolegionis X Fretensis in Suria municipio Albensium [...] H[...] SI [...] de suo donum dedit.
  7. ^ CIL VI, 32881 (p 3845); CIL XI, 2112; CIL XI, 5646.
  8. ^ Historia Augusta, Vita Marci philosophi, 21.6-8.

BibliografiaModifica

  • Polibio, Storie (Ἰστορίαι), VI. (Versioni in inglese disponibili qui e qui).
  • Yann Le Bohec, L'esercito romano da Augusto alla fine del III secolo, Roma 1992, VII ristampa 2008.
  Portale Esercito romano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Esercito romano