Federico Garelli

commediografo italiano

Federico Garelli (Mondovì, 1827Roma, 5 agosto 1885) è stato un commediografo italiano.

È considerato il fondatore del teatro dialettale piemontese. Per vivere, fece anche lo stenografo alla Camera dei Deputati. Massone, non si sa dove e quando è stato iniziato, ma nel 1863 era membro effettivo della Loggia Cavour di Torino[1]. La sua città di origine Villanova Mondovì gli ha intitolato il teatro civico.[2] Federico Garelli è famoso per la sua frase Noi suma i fieui 'd Giandouja, noi suma i bugianen.

OpereModifica

Compose le seguenti opere in lingua piemontese[3]:

  • Margtitin dle viölette, riduzione della Dame aux camélias,
  • La felicità 'd monssù Guma che si rifaceva alle Miserie 'd monssù Travet di Vittorio Bersezio,
  • Guèra o pas?,
  • La scola dël soldà,
  • La caban-a dël rè galantòm (dedicata a Re Vittorio Emanuele II),
  • La carità l'è nen tuta ‘d pan.
  • L'invern dij pòver,
  • Delfina l'ovriera,
  • Da la povertà a la richëssa,
  • Ël campé e la marghera,
  • Ij pciti fastidi,
  • Na facessia al bal masché,
  • La cun-a ‘d Carlin,
  • La gabia dël merlo,
  • Ij fòj a bèivo al cop,
  • Lena dël Ròcia-Mlon (la Lena del Rocciamelone),[4]
  • La partensa dij contingent për l'armada,
  • La vantajn-a,
  • J'an-namorà,
  • Ël birichin ëd Turin,
  • Ij làder an guant bianch,
  • Ël cioché dël vilage,
  • Compare Bonòm

NoteModifica

  1. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Erasmo ed., Roma, 2005, pp. 137-138 .
  2. ^ http://www.comune.villanova-mondovi.cn.it/index.php/teatro-garelli
  3. ^ http://www.gioventurapiemonteisa.net/federi-garel/
  4. ^ L'opera è stata tradotta in lingua romancia dal poeta svizzero Carantash Lena dl Rociamlon vertida in rumantsch

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14796654 · ISNI (EN0000 0000 6127 0320 · SBN IT\ICCU\LO1V\026121 · LCCN (ENn84115916 · BNF (FRcb12088320g (data) · BAV (EN495/92393 · WorldCat Identities (ENlccn-n84115916