Apri il menu principale
Ferrovia del Corgo
Nome originale(PT) Linha do Corgo
InizioChaves
FineRégua
Stati attraversatiPortogallo Portogallo
Lunghezza96,2 km
Apertura1906, 1921
Chiusura1990, 2009
GestoreCompanhia dos Caminhos de Ferro Portugueses
Precedenti gestoriCompanhia Nacional de Caminhos de Ferro
Caminhos de Ferro do Estado
Scartamentoscartamento metrico
Ferrovie

La ferrovia del Corgo (in portoghese, Linha do Corgo) è una linea ferroviaria dismessa del Portogallo che collegava Chaves e Régua.

Indice

StoriaModifica

 
Stazione di Régua intorno al 1906

Fasi di costruzione[1]Modifica

Tratta Lunghezza, km Inaugurazione Chiusura
RéguaVila Real 25 12 maggio 1906 25 marzo 2009
Vila Real – Pedras Salgadas 41 15 luglio 1907 1º gennaio 1990
Pedras Salgadas – Vidago 12 20 marzo 1910 1º gennaio 1990
Vidago – Tâmega 14 20 giugno 1919 1º gennaio 1990
Tâmega – Chaves 7 21 agosto 1921 1º gennaio 1990

ProdromiModifica

Nel settembre 1878 l'ingegnere e politico João Crisóstomo de Abreu e Sousa nel suo progetto di rete ferroviaria in Portogallo incluse una ferrovia tra Bragança e Beja passante per la foce del fiume Sabor[2].

 
Ponte ferroviario sul Corgo

Tale linea era progettata per collegare le località termali di Vidago e Pedras Salgadas e le località di Vila Pouca de Aguiar, Vila Real e Chaves alla ferrovia del Duero[3][4].

Costruzione e aperturaModifica

Dopo vari tentativi andati a vuoto[3][4] il governo decise la costruzione della linea direttamente attraverso le Caminhos de Ferro do Estado[5]. I lavori ebbero inizio nel 1903[6] sul tratto Régua-Vila Real e si conclusero con l'apertura il 12 maggio 1906[3][7]. Pedras Salgadas fu raggiunta il 15 luglio 1907, Vidago il 20 marzo 1910, Tâmega il 20 giugno 1919 e Chaves il 28 agosto 1921[3].

ChiusuraModifica

Nel 1990 fu chiusa al traffico la tratta tra Chaves e Vila Real[8].

Il resto della linea, da Vila Real a Régua, rimase chiuso al traffico "a motivo di lavori" fino al 25 marzo 2009[9][10] e dismessa da Rede Ferroviária Nacional nel luglio 2010[11][12]. Venne definitivamente soppressa alla fine del 2011[13].

I servizi sostitutivi su strada che erano stati istituiti in cambio dei treni soppressi cessarono il 1º gennaio 2012 per insostenibilità economica e scarsa frequentazione[14][15].

CaratteristicheModifica

 
Stazione di Vila Real nel 1993

La linea era lunga 96,200 km ed era a scartamento metrico[16].

Stazioni e fermate
     
Ferrovia Medina del Campo-La Coruña Orense
 
 
 
Medina del Campo
 
  Portogallo  Spagna (prog. abbandonato)
 
 
 
96,2 Chaves (Museo Ferroviario di Chaves)
 
94,4 Fonte Nova
 
89,5 Tâmega
 
Curalha (prog. abb)
     
Ferrovia del Tâmega → Livr. (prog. abb.)
 
Ponte del Tâmega × fiume Tâmega
 
87,0 Vilela do Tâmega
 
84,6 Peneda
 
80,9 Paranheiras
 
77,5 Campilho
     
Ferrovia del Tâmega → Livr. (prog. abb.)
 
76,5 Vidago
 
75,7 Sálus
 
74,8 Oura
 
70,5 Loivos
 
64,3 Sabroso
     
Ferrovia del Tâmega → Livr. (prog. abb.)
 
61,2 Pedras Salgadas
     
Transversal de Trás-os-Montes Mirandela (prog. abb.)
 
57,7 Nuzedo
 
54,1 Vila Pouca de Aguiar
     
Transversal de Trás-os-Montes → Mirandela (prog. abb.)
 
50,4 Parada de Aguiar
 
48,1 Zimão
 
45,1 Tourencinho
 
38,8 Samardã
 
34,9 Fortunho
 
32,2 Cigarrosa
 
28,8 Abambres
 
25,0 Vila Real
 
17,9 Cruzeiro
 
14,2 Carrazedo
 
11,4 Povoação
 
7,1 Alvações
 
3,4 Tanha
 
1,1 Corgo
     
Officine
 
 
 
Ferrovia del Duero Pocinho
 
 
 
Ponte Ferroviario del Corgo × fiume Corgo
 
 
 
Ferrovia di Lamego Lamego (prog. abb.)
 
0,0 Régua
 
Ferrovia del Duero Porto

NoteModifica

  1. ^ Carlos Manitto Torres, A evolução das linhas portuguesas e o seu significado ferroviário, in Gazeta dos Caminhos de Ferro, nº 1686, 1º gennaio 1958, p. 15.
  2. ^ Augusto César Justino Teixeira, Evora a Ponte de Sôr (PDF), in Gazeta dos Caminhos de Ferro, vol. 16, nº 377, 1º settembre 1903, pp. 295-297. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  3. ^ a b c d Carlos Manitto Torres, A evolução das linhas portuguesas e o seu significado ferroviário, in Gazeta dos Caminhos de Ferro, vol. 70, nº 1684, 16 febbraio 1958, pp. 93, 94.
  4. ^ a b José Fernando de Sousa, A linha da Régua a Chaves e à fronteira, in Gazeta dos Caminhos de Ferro, vol. 16, nº 365, 1º marzo 1903, pp. 65, 67.
  5. ^ Parte Official, in Gazeta dos Caminhos de Ferro, vol. 16, nº 366, 16 marzo 1903, p. 84.
  6. ^ Linhas Portuguezas, in Gazeta dos Caminhos de Ferro, vol. 16, nº 377, 1º settembre 1903, p. 304.
  7. ^ Os Caminhos de Ferro Portugueses 1856-2006,  p. 12.
  8. ^ José António Cardoso, Linha do Corgo parada e sem obras vítima da crise, in Diário de Notícias, 27 dicembre 2010. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  9. ^ Almeida Cardoso, Exigem regresso dos comboios, in Correio da Manhã, 3 aprile 2011. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2013).
  10. ^ Margarida Luzio, Falta de segurança fecha Linha do Corgo, in Jornal de Notícias, 25 marzo 2009. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  11. ^ Carlos Cipriano, Refer trava a fundo e reduz investimento de 800 para apenas 200 milhões de euros, in Jornal Público, 8 luglio 2010. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2010).
  12. ^ Antigo ferroviário oferece-se para recolocar os carris na Linha do Corgo, in Jornal de Notícias, 30 ottobre 2011. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  13. ^ Governo encerra 300 quilómetros de linha ferroviária, in Diário de Notícias, 29 dicembre 2011. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  14. ^ Paulo Miguel Madeira, CP encerra linhas do Leste e Beja-Funcheira a 1 de Janeiro, in Público, 17 dicembre 2011. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  15. ^ CP suprime transporte rodoviário alternativo nas Linhas do Corgo e Tâmega, in Público, 16 dicembre 2011. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  16. ^ Instrução de Exploração Técnica nº 50, Rede Ferroviária Nacional e Instituto Nacional do Transporte Ferroviário, 11 dicembre 2005, p. 17.

BibliografiaModifica

  • Os Caminhos de Ferro Portugueses 1856-2006, Público-Comunicação Social S. A. e CP-Comboios de Portugal, 2006, p. 238, ISBN 989-619-078-X.