Filillio

commediografo ateniese della Commedia di mezzo

Filillio (in greco antico: Φιλύλλιος, Philýllios; in latino: Philyllios; Atene, anni 450 a.C. – dopo il 392 a.C.) è stato un commediografo ateniese.

BiografiaModifica

Filillio viene annoverato tra gli ultimi rappresentanti della commedia antica e i primi della commedia di mezzo; fu contemporaneo di Diocle di Fliunte e di Sannirione e sembra che abbia introdotto alcune innovazioni, come le torce accese sulla scena[1].

Sembra, inoltre, che fosse in piena attività prima del 392 a.C., anno della rappresentazione delle Ecclesiazuse di Aristofane[2].

CommedieModifica

La Suda riporta alcuni titoli di Filillioː Αἰγεύς (Egeo), Αὔγη (Auge), Ἄντεια[3], Δωδεκάτη (La dodicesima notte), Ἡρακλῆς (Eracle), Πλύντρια ἢ Ναυσικάα (Plynteria, o Nausicaa), Πόλις (La città), Φρεωρύχος (Lo scavatore di pozzi), Ἀταλάντη (Atalanta), Ἑλένη (Elena).

Dai titoli e dai frammenti pervenuti, Filillio appare come uno dei tanti commediografi di passaggio tra archaia e mese, con attenzione alla parodia mitologica euripidea e alla rappresentazione di caratteri della quotidianità ateniese.

NoteModifica

  1. ^ R. Kassel-C. Austin, PCG, vol. 7, T 1 e 2.
  2. ^ Schol. ad Aristoph., Plut., 1195.
  3. ^ Secondo Suda, ἑταίρας ὄνομα.

BibliografiaModifica

  • R. Kassel-C. Austin, PCG, vol. 7, pp. 374-387.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN64395871 · CERL cnp00285544 · GND (DE102403236 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016042037