Apri il menu principale

Filippo Livigni (1750 circa – ...) è stato un librettista italiano.

Non si conosce quasi nulla sulla vita di questo librettista, che fu tra i più prolifici a Venezia nella seconda metà del XVIII secolo. L'analisi dei testi dei suoi libretti ha fatto ipotizzare origini napoletane e un possibile soggiorno a Parigi.[1]

I libretti del Livigni si adeguano, per ambientazione, uso delle voci e utilizzo di trovate sceniche, agli usi dell'opera buffa settecentesca. In alcuni lavori il Livigni fa ricorso all'espediente inusuale dell'ambientazione notturna, che contribuisce, grazie all'oscurità, a creare situazioni comiche.[1]

LibrettiModifica

Tutti i libretti del Livigni sono drammi giocosi, ed ebbero la prima rappresentazione in teatri veneziani. Alcune di queste opere ebbero in seguito altre numerose rappresentazioni, sia in Italia che in Europa.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c Armellini, Dizionario Biografico degli Italiani

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN205321431 · ISNI (EN0000 0003 8552 6951 · SBN IT\ICCU\LIAV\100957 · LCCN (ENn85067423 · GND (DE135445604 · BNF (FRcb147818241 (data) · CERL cnp01383880