Apri il menu principale

In radiometria, il flusso radiante o la potenza radiante è l'energia totale di radiazione elettromagnetica (inclusi infrarossi, ultravioletti e luce visibile) emessa, riflessa, trasmessa o ricevuta, da una sorgente o da una determinata superficie per unità di tempo[1] L'unità di misura nel SI è il watt, che equivale al joule al secondo.

Può essere considerato anche spettralmente, dove invece che la totalità delle radiazioni viene misurato a seconda della frequenza e della lunghezza d'onda; nel primo caso l'unità di misura è il watt per hertz (W/Hz), nel secondo il watt per metro (W/m), o talvolta, il watt per nanometro (W/nm).

Definizioni matematicheModifica

Flusso radianteModifica

Il flusso radiante, indicato con Φe ("e" per "energetico", per evitare confusioni con grandezze fotometriche, è definito come[2]

 

dove

  • ∂ è il simbolo di derivata parziale;
  • Qe è l'energia emessa, riflessa, trasmessa o ricevuta;
  • t è il tempo

Flusso spettraleModifica

Il flusso spettrale in frequenza, indicato con Φe,ν, è definito come[2]

 

dove ν è la frequenza.

Il flusso spettrale in lunghezza d'onda, indicato con Φe,λ, è definito come[2]

 

dove λ è la lunghezza d'onda.

NoteModifica

  1. ^ Radiometria, Istituto Nazionale di Ottica.
  2. ^ a b c Thermal insulation — Heat transfer by radiation — Physical quantities and definitions, su ISO 9288:1989, ISO catalogue, 1989. URL consultato il 15 marzo 2015.

BibliografiaModifica

  • Robert Boyd, Radiometry and the Detection of Optical Radiation (Pure & Applied Optics Series), Wiley-Interscience, 1983, ISBN 978-0-471-86188-1.

Voci correlateModifica

  Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica