Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pittore omonimo del XIX secolo, vedi Jean-François Millet.
Paesaggio montuoso con fulmine (1675 circa)

Jean François Millet, detto Francisque[1] (Anversa, 27 aprile 1642Parigi, 3 giugno 1679 o 1680), è stato un pittore e incisore fiammingo attivo soprattutto in Francia.

BiografiaModifica

 
Mosè salvato dalle acque (1675 circa)

Dopo essere stato allievo di Laurent Francken ad Anversa[1], si trasferì a Parigi nel 1659, dove divenne membro dell'Académie royale de peinture et de sculpture nel 1673[1][2].

Viaggiò nella Fiandre, nei Paesi Bassi e in Inghilterra, ma poco dopo il suo ritorno a Parigi morì prematuramente[1].

Si dedicò principalmente alla pittura di paesaggi, in particolare italiani, e di soggetti religiosi[3]. Le sue opere di natura paesaggistica rivelano l'influenza di Gaspard Dughet, ma con uno stile meno libero e sono caratterizzate dalla profondità dell'orizzonte e dall'utilizzo di verdi acidi punteggiati da piccole macchie di rosso vermiglio[1]. È, assieme a Sébastien Bourdon, uno dei rappresentanti della pittura di paesaggi eroici, calmi e grandiosi, secondo la definizione di Nicolas Poussin[1][2].

Millet ebbe svariati allievi, fra cui Augustin Coppens, Jean Coustel ed il figlio Jean François[3], detto Francisque, che proseguì l'opera del padre nella produzione di paesaggi, come pure il nipote Joseph, anch'egli soprannominato Francisque[1].

La presenza di parenti con lo stesso nome o lo stesso soprannome e la mancanza di documentazione certa relativa alle opere, hanno creato e creano problemi di attribuzione delle stesse[2].

Alcune OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95724591 · ISNI (EN0000 0000 7846 7883 · LCCN (ENno2010088451 · GND (DE141325402 · BNF (FRcb14915544p (data) · ULAN (EN500007163 · CERL cnp01386366 · WorldCat Identities (ENno2010-088451