Apri il menu principale

Franco Prodi (Reggio nell'Emilia, 4 giugno 1941) è un fisico, accademico e meteorologo italiano, studioso di fisica dell'atmosfera, meteorologia e climatologia.

BiografiaModifica

Laureatosi in fisica, con una tesi in fisica dello stato solido, presso l'Università di Bologna nel 1963, si è dedicato alla meteorologia e alla fisica dell'atmosfera a partire dal servizio militare svolto nel Genio aeronautico, ruolo fisici.

Ricercatore del CNR dal 1967, ha approfondito i suoi studi e condotto ricerche al National Center for Atmospheric Research (NCAR) di Boulder in Colorado. Tornato in Italia, ha svolto una continua attività di insegnamento e di ricerca. Docente di fisica, termodinamica e geofisica all'Università di Modena fino al 1986, ha ottenuto nel 1987 la cattedra presso l'Università di Ferrara. Ha preso parte a numerose commissioni di studio in campo nazionale e internazionale e ha diretto, fino a novembre 2008, l'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del CNR, di cui è tuttora ricercatore associato.

I suoi interessi scientifici hanno riguardato, in particolare, varie tematiche fra le quali la formazione della grandine, la radarmeteorologia, il nowcasting, la microfisica delle nubi e la fisica dell'aerosol atmosferico. Partecipa attivamente a conferenze e dibattiti sui cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale; è inoltre presidente dell'Italian Aerosol Society (IAS).

È un appassionato di musica classica e suona la viola; ha pure organizzato un festival di musica per archi in onore di Sesto Rocchi, famoso liutaio di San Polo d'Enza, di cui ha sposato la figlia Laura.

È fratello di Giovanni Prodi, Giorgio Prodi, Paolo Prodi, Vittorio Prodi, Romano Prodi.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3960509 · ISNI (EN0000 0000 8418 795X · SBN IT\ICCU\CFIV\050979 · LCCN (ENn86136697