Apri il menu principale

Fronte Popolare Moldavo

Il Fronte Popolare Moldavo fu un movimento politico della Repubblica Socialista Sovietica Moldava, una delle 15 repubbliche dell'ex Unione Sovietica, e della nuova Repubblica Moldava. Formalmente il Fronte esistette dal 1989 al 1992. Esso fu il successore del Movimento Democratico Moldavo (Mişcarea Democratică din Moldova; 1988–89), e gli succedette il Fronte Popolare Cristiano Democratico (Frontul Popular Creştin Democrat, 1992–99) e successivamente il Partito Popolare Cristiano Democratico (Partidul Popular Creştin Democrat, dal 1999).

Il Fronte Popolare fu ben organizzato nazionalmente, con il maggior supporto nella capitale e nelle aree del Paese maggiormente popolate dai moldavi. Tuttavia, una volta al potere, le dispute interne portarono ad un calo del sostegno popolare, frammentandosi in varie fazioni durante i primi mesi del 1993.[1]

Grande Assemblea NazionaleModifica

NoteModifica

  1. ^ The 1990 Elections, Fedor, Helen, ed. Moldova: A Country Study. GPO for the Library of Congress, Washington, D.C., 1995.

BibliografiaModifica

  • Alker, Hayward R.; Gurr, Ted Robert; Rupesinghe, Kumar (eds.). Journeys Through Conflict: Narratives and Lessons. Rowman & Littlefield, 2001, ISBN 0-7425-1028-X.
  • Mark R. Beissinger, Nationalist Mobilization and the Collapse of the Soviet State, Cambridge University Press, 2002, ISBN 0-521-00148-X.
  • Rick Fawn. Ideology and National Identity in Post-communist Foreign Policies. Routledge, 2004, ISBN 0-7146-8415-5.
  • Charles King, The Moldovans, Hoover Press, 2000, ISBN 0-8179-9792-X.
  • Pal Kolstø, Political Construction Sites: Nation-building in Russia and the Post-Soviet States, Westview Press, 2000, ISBN 0-8133-3752-6.
  • Neil Melvin. Russians Beyond Russia: The Politics of National Identity. Continuum International Publishing Group, 1995, ISBN 1-85567-233-2.