Gülşah Hatun

Concubina di Mehmed II

Gülşah Hatun (turco ottomano: کل شاہ خاتون, "rosa dello Şah"; ... – Bursa, circa 1487) fu una concubina del sultano ottomano Mehmed II.

BiografiaModifica

Gülşah Hatun, le cui origini sono sconosciute, entrò nell'harem di Mehmed nel 1449, quando questi era ancora Şehzade e governatore di Manisa.

Nel 1450, diede alla luce il suo unico figlio, Şehzade Mustafa, che sarebbe diventato il prediletto del padre. Avendo messo al mondo un maschio, la relazione sessuale fra Gülşah e Mehmed s'interruppe come da protocollo.

Nel 1451 Mehmed divenne il nuovo sultano e Gülşah si trasferì con lui e il figlio nella capitale dell'Impero, situata prima a Edirne e poi, dopo il 1453, dopo l'assedio e la caduta, a Costantinopoli.

Intorno al 1465 Mustafa, come da tradizione, venne nominato governatore, prima di Kayseri e poi di Konya, e sua madre lo accompagnò.

Il 25 dicembre 1474 Mustafa morì inaspettatamente. Sebbene gli storici concordino che ciò avvenne per cause naturali, all'epoca si sospettò che il principe fosse stato assassinato da Mahmud Angelović, il quale si sarebbe vendicato della relazione adulterina fra lui e sua moglie. Pur senza prove, l'uomo venne giustiziato da Mehmed II. Gülşah venne inoltre accusata di aver presentato lei la donna al figlio e di averlo spinto all'adulterio. La moglie di Mahmud era Selçuk Hatun, sorella di Hatice Hatun, ultima consorte del padre di Mustafa, Mehmed II.

Dopo la morte del figlio, Mehmed si occupò di Gülşah, a cui venne concessa un'alta pensione, fra cui le rendite del villaggio Sığırcalu a Dimetoka, dei figli di Mustafa e delle sue concubine, che vennero fatte sposare a uomini di buona posizione.

Gülşah si ritirò a Bursa, come imponeva la regola per le madri di Şehzade morti, dove costruì un mausoleo per suo figlio nel complesso Muradiye. Morì a Bursa nel 1487 e venne sepolta accanto a suo figlio.

DiscendenzaModifica

Da Mehmed II, Gülşah ebbe un figlio:

  • Şehzade Mustafa (1450 - Konya, 25 dicembre 1474). Governatore di Konya, ebbe un figlio, Şehzade Hali, e una figlia, Nergiszade Ferahşad Hatun, che sposò suo cugino Şehzade Abdullah, figlio di Bayezid II. Ebbero un figlio morto giovane e due figlie, Aynışah Sultan e Şahnisa Sultan (che sposò suo cugino Şehzade Mehmed Şah, figlio del fratellastro di suo padre Şehzade Şehinşah).

BibliografiaModifica

  • Archivum Ottomanicum, Volume 8. Mouton. 1983.
  • Franz Babinger (1992). Mehmed the Conqueror and His Time. Princeton University Press. ISBN 978-0-691-01078-6.
  • Bey, Mehmet Süreyya (1969). Osmanlı devletinde kim kimdi, Volume 1. Küğ Yayını. ISBN 978-9-004-12106-5.
  • Greenhalgh, Michael (2009). Marble Past, Monumental Present: Building With Antiquities in the Mediaeval Mediterranean. BRILL. ISBN 978-9-004-17083-4.
  • Peirce, Leslie P. (1993). The Imperial Harem: Women and Sovereignty in the Ottoman Empire. Oxford University Press. ISBN 978-0-195-08677-5.
  • Sakaoğlu, Necdet (2008). Bu mülkün kadın sultanları: Vâlide sultanlar, hâtunlar, hasekiler, kadınefendiler, sultanefendiler. Oğlak Yayıncılık. ISBN 978-9-753-29623-6.
  • Stavrides, Théoharis (2001). The Sultan of Vezirs: The Life and Times of the Ottoman Grand Vezir Mahmud Pasha Angelović (1453-1474). BRILL. ISBN 978-9-004-12106-5.
  • Uluçay, M. Çağatay (2011). Padişahların kadınları ve kızları. Türk Tarih Kurumu.
  • Zachariadou, Elisavet A. (1996). The Via Egnatia under Ottoman rule (1380-1699): Halcyon Days in Crete II : a symposium held in Rethymnon 9-11 January 1994. Crete University Press.