GNU Parted

software libero a interfaccia a riga di comando
Disambiguazione – Se stai cercando l'interfaccia grafica di GNU Parted per GNOME, vedi GParted.

GNU Parted (anche detto Parted) è un software libero ad interfaccia a riga di comando per la manipolazione delle partizioni e dei file system su memorie di massa.[1] Supporta tutte le operazioni di copia, suddivisione, unione, spostamento, formattazione, conversione dei file system delle partizioni nei sistemi operativi GNU/Linux, GNU/Hurd, FreeBSD e BeOS.

GNU Parted
software
Schermata di esempio
Schermata di esempio
GenereGestore di partizioni
SviluppatoreAndrew Clausen, Lennert Buytenhek et al.
Ultima versione3.6 (11 aprile 2023)
Sistema operativoGNU
LinguaggioC
LicenzaGNU GPL
(licenza libera)
Sito webwww.gnu.org/software/parted/

Fa parte del progetto GNU ed è coperto dalla licenza libera GNU GPL.[1]

In origine fu sviluppato da Andrew Clausen e Lennert Buytenhek.

Specifiche modifica

GNU Parted può funzionare sia da hard disk che da Live CD e Live USB basati su distribuzioni GNU/Linux dedicate (come SystemRescueCd e PartedMagic) che ne permettono l'utilizzo anche su computer con sistemi operativi Windows. Il programma gestisce tutti i file system nativi di Linux (come ext2, ext3 e ReiserFS) oltre a FAT16/32, NTFS (con limitazioni), XFS, Journaled File System (JFS) ed altri. L'architettura del software è costituita da una libreria (libparted) e un front-end testuale a riga di comando (parted).

Limitazioni modifica

GNU Parted non è in grado di ridimensionare partizioni NTFS senza far uso di utily esterne come ntfsprogs. Per superare questo problema, molti dischi di ripristino (come le distribuzioni live sopracitate) includono tutte le utility necessarie per le operazioni sulla maggior parte dei file system. Un'altra limitazione è l'incapacità di gestire correttamente gli attributi estesi di ext2.[senza fonte]

Front-end modifica

 
GParted usa Parted come backend

Esistono diversi front-end alternativi per GNU Parted, sia grafici (come GParted, QtParted e Pyparted[2]) che a riga di comando (come nparted[3], basato sulla libreria Newt, e fatresize[4] che fa uso di libparted per offrire il ridimensionamento non distruttivo delle partizioni FAT16/32).

Note modifica

  1. ^ a b (EN) GNU Parted, su gnu.org. URL consultato il 6 aprile 2016.
  2. ^ Fedora People - pyparted Archiviato il 15 dicembre 2007 in Internet Archive..
  3. ^ Overview of nparted source package, debian.org.
  4. ^ fatresize, pagina del progetto su SourceForge.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero