Apri il menu principale

Gaetano d'Ancora

archeologo, filologo e linguista italiano

Gaetano d'Ancora (Napoli, 8 ottobre 1751Napoli, 7 marzo 1816) è stato un archeologo, filologo e grecista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Studioso di lingue classiche ed orientali, che insegnò nel Seminario arcivescovile di Napoli, dopo il 1799 ebbe la cattedra di lingua greca all'Università di Napoli. Fece parte delle principali istituzioni culturali e scientifiche del periodo, italiane ed internazionali, quali l'Accademia Ercolanese, l'Accademia Etrusca di Cortona e la Royal Society di Londra.

Nel 1803, l'imperatore di Russia volle averlo come docente di letteratura greca nell'ateneo di Vilnius, ma d'Ancora rifiutò la proposta, desiderando rimanere in patria[1].

Ha scritto numerosi saggi e memorie di antichistica, su scavi e ritrovamenti archeologici. Nel 1794 ha fissato, attraverso il confronto filologico di diversi codici, la principale edizione di riferimento del De Alimento ex aquatilibus di Senocrate[2].

Opere principaliModifica

NoteModifica

  1. ^ F. de Jorio, Gaetano d'Ancora, cit. in bibliografia, p. 46.
  2. ^ «Giornale de' letterati», t. XCV, Pisa 1794, pp. 284-287

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5678922 · ISNI (EN0000 0001 2020 2417 · SBN IT\ICCU\SBLV\226263 · LCCN (ENno2011086202 · GND (DE116303476 · ULAN (EN500353497 · BAV ADV11078900 · CERL cnp01077585