Apri il menu principale
Buddhismo
Vajrasattva Tibet.jpg
Mahāyāna Vajrayāna
Paesi
BhutanMongolia
GiapponeTibet
Insegnamenti
BodhisattvaBodhicitta
VacuitàKaruna
Natura di BuddhaPrajñā
TrikāyaAdhiBuddha
MādhyamikaVijnanavada
MahāmudrāTre RadiciKalachakra
MantraDhāraṇī
MudrāMaṇḍalaYidamDzogchen
Sutra
Prajnaparamita
Mahāvairocanāsūtra
Vajraśekhara-sūtra
Susiddhi-kara-mahā-tantra-sādhanôpāyika-paṭala
Tantra
KriyatantraCaryatantra
YogatantraAnuttarayogatantra
Maestri
Gautama BuddhaNāgārjunaNāropāMarpaMilarepaTsongkhapaPadmasambhavaDalai LamaPanchen LamaKarmapaShamarpa
Scuole
GelugNyingmapaKagyu (Karma Kagyü)SakyaKadamShingon

Il Ganyil, la Ruota della Gioia, (tibetano: dga' 'khyil; sanscrito: anandacakra; cinese: 三太極 sāntàijí; coreano: samtaegeuk) è un simbolo nel Buddhismo Tibetano, particolarmente usato nella tradizione Nyingmapa e negli insegnamenti Dzogchen.

Gankyil

Il significato della rappresentazione è fluido e può variare in base ai vari insegnamenti: nello Dzogchen rappresenta la Grande Perfezione in cui si uniscono la Base, il Percorso e il Frutto.

Tra i vari significati può indicare la vittoria sui tre veleni, i Tre Corpi di Buddha o i Tre gioielli.
Spesso viene utilizzato per rappresentare il simbolo del "Gioiello che esaudisce i desideri", uno dei sette attributi del cakravartin o viene posto al centro del simbolo della ruota del Dharma, Dharmacakra.

Buddhismo Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Buddhismo