Si tratta di un neologismo ideato da Davide Paolini sul fare degli anni Novanta, usato per indicare l'indole di una persona per la ricerca e la scoperta gastronomica[1][2]. Amante del viaggio, il gastronauta, oltre ad essere attratto dal mondo del cibo, è animato dal desiderio della convivialità, nonché da un interesse culturale che ricerca, dietro ad ogni prodotto, tradizioni folkloristiche, storiche e geografiche, in quanto il territorio è un luogo metaforico, frutto di una cultura collettiva che produce valori simbolici. Tra le peculiarità di un gastronauta vi è la sperimentazione, ovvero la curiosità di accostare cibi e sapori al di là delle mode e delle consuetudini, atteggiamento dal quale possono nascere vantaggi per i localismi gastronomici, di cui si potrebbe ampliare la sfera di consumo.

Il nome ed il logo "Gastronauta " sono marchi registrati di Gastronauta[3].

Usi mediaticiModifica

Nel corso degli anni, il termine è stato impiegato, oltre che come aggettivo, anche come appellativo dello stesso Davide Paolini, e di suoi programmi televisivi e radiofonici, dedicati alla scoperta dei giacimenti gastronomici italiani[4]. Risale al 2000 "Il Gastronauta", in onda su La 7, nonché le prime puntate delle trasmissioni dedicate al gusto su Radio 24. Nello stesso anno, la rubrica del Sole24Ore, prima chiamata A me mi piace, viene ribattezzata "Il Gastronauta".

Filosofia del GastronautaModifica

"Mangiare il territorio” è il metodo di conoscenza del vero gastronauta: l'espressione è stata coniata a partire da Sotto il sole giaguaro, di Italo Calvino, opera che contiene in toto la filosofia gastronautica dello svelare usi, costumi, storia, tradizione e cultura materiale di un luogo, cibandosi del luogo stesso. Designa la tensione di conoscere, sapere e annusare del gastronauta. Mangiando un prodotto autoctono infatti, è possibile risalire alla sua filiera produttiva e scoprire il sapere artigianale che vi sta dietro, le materie prime di cui dispone l'ambiente, il contesto storico e geografico che ha determinato la nascita di una tecnica produttiva specifica, lo scenario religioso e folkloristico all'interno del quale, un cibo, non è solo qualcosa da mangiare, ma simbolo e promotore di un territorio. Questo il motivo per cui, tra i gastronauti, consapevoli che il cibo sia Cultura con la C maiuscola, vige il motto "si mangia con la testa e non con la pancia".

NoteModifica

  1. ^ gastronauta in Neologismi, su Treccani. URL consultato il April 5, 2016.
  2. ^ Chi siamo, su Gastronauta. URL consultato il April 5, 2016 (archiviato dall'url originale il aprile 14, 2016).
  3. ^ Condizioni di utilizzo, su Gastronauta. URL consultato il April 5, 2016 (archiviato dall'url originale il marzo 24, 2016).
  4. ^ Il Gastronauta, su Radio24. URL consultato il April 5, 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina