Apri il menu principale
Storielle del bosco viennese
(Geschichten aus dem Wienerwald)
Strauss Johann Sohn-op.325 Spina Geschichten aus dem Wienerwald.jpg
Pianoforte (C.A.Spina)
CompositoreJohann Strauss (figlio)
Tipo di composizioneValzer
Numero d'opera325
Epoca di composizione1868
Prima esecuzionegiugno 1868
Ascolto
Geschichten aus dem Wienerwald (info file)

Storielle del bosco viennese (Geschichten aus dem Wienerwald, in lingua originale) op. 325, è un valzer di Johann Strauss figlio.

DescrizioneModifica

La prima edizione per pianoforte del valzer Geschichten aus dem Wienerwald oltre a raffigurare scene di vita quotidiana degli abitanti dei boschi viennesi, recava anche la dedica al principe Constantin Hohenlohe-Schillingsfürst (1828-1896), al quale Strauss aveva dedicato il lavoro.

Il valzer ebbe la sua prima esecuzione proprio nel palazzo del principe a Vienna, durante l'estate del 1868.

Una lettera non datata di quegli anni, indirizzata al compositore della principessa Marie Hohenlohe-Schillingsfürst, moglie del principe, riporta:

«Egregio Signore, la recente esecuzione del vostro splendido valzer mi ha dato un tale piacere che non posso fare a meno di chiedervi di accettare un piccolo omaggio in ricordo di questa serata eccezionale. Non vedo l'ora di venire a conoscenza di un'altra delle sue magnifiche melodie che tanto rallegrano le mie ore. Con il massimo rispetto.»

(Principessa Hohenlohe)

Il 22 giugno 1868 Johann Strauss eseguì durante una manifestazione pubblica il suo valzer Geschichten aus dem Wienerwald davanti a un pubblico di 5000 persone in occasione dei festeggiamenti per l'inizio dell'estate organizzati dalla Wiener Männergesang-Verein (Associazione corale maschile di Vienna).

Non fu tuttavia questa la prima esecuzione pubblica del lavoro: tre giorni prima nel Volksgarten, durante un concerto di beneficenza straordinario organizzato da tutti e tre i fratelli Strauss, il 19 giugno, Johann stesso eseguì i suoi nuovi lavori (fra i quali Geschichten aus dem Wienerwald) che, talmente acclamati dal pubblico, furono ripetuti per più di quattro volte ciascuno.

Una particolare ammirazione suscitò nel pubblico il valzer che con le sue melodie dai toni rustici dell'introduzione evocava le passeggiate nel bosco viennese, tanto care ai cittadini viennesi, lungo le pendici boscose delle Alpi Orientali, nella zona situata a nord-ovest di Vienna.

 
Spartito dell'assolo dello zither.

Tale atmosfera bucolica venne ricreata da Strauss anche grazie all'uso di uno strumento comune come la cetra e ai ritmi tipici del ländler nell'introduzione e nella coda; Strauss volle sottolineare in questo modo gli stretti legami esistenti tra il valzer viennese e la musica contadina della Bassa Austria.

Molti di questi aspetti tipici della vita contadina vennero anche raffigurati sulla prima copertina dell'edizione per pianoforte, assieme ad altri personaggi ripresi mentre svolgono attività comuni della vita di campagna: giovani amanti che si godono un momento di isolamento, uomini che giocano ai birilli altri ancora che vanno a caccia e, ovviamente, il suonatore di cetra.

Concerto di Capodanno di ViennaModifica

L'avvento del Concerto di Capodanno di Vienna è il seguente.

Nel cinemaModifica

Film che hanno adoperato questo valzer:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN181418428 · GND (DE300155190 · WorldCat Identities (EN181418428
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica