Gianfranco Nerozzi

scrittore italiano

Gianfranco Nerozzi (1957) è uno scrittore italiano di horror, thriller e di libri per ragazzi.

BiografiaModifica

Ha pubblicato romanzi e racconti di genere fantastico, giallo e thriller su riviste e antologie per Stampa Alternativa, Mondadori, Baldini & Castoldi anche sotto diversi pseudonimi tra i quali il nome autore del suo romanzo d'esordio, l'horror Ultima pelle pubblicato come F.J. Crawford (Edizioni Eden, 1991) e Jo Lancaster Reno col quale ha firmato una serie di romanzi di avventure spionistiche appartenenti al ciclo Hydra Crisis e pubblicati da Mondadori nel periodico Segretissimo.

L'autore si avvale di ambientazioni urbane contemporanee (la maggior parte delle sue storie si svolgono nella natìa Emilia-Romagna), e affianca a trame tipiche del romanzo poliziesco e noir contenuti soprannaturali e horror, con sviluppi narrativi che raramente conducono al lieto fine.

Organizza e interpreta reading musicali: in particolare cura la rassegna Le forme dell'espressione, al teatro di Sasso Marconi, sua città di residenza, insieme ad artisti come Pupi Avati e Carlo Lucarelli. Ha creato, assieme ad alcuni colleghi scrittori, il laboratorio di scrittura "Zanna Bianca".[senza fonte]

Ha collaborato alla realizzazione della prima stagione della serie televisiva Il tredicesimo apostolo - Il prescelto prodotta da Taodue, in veste di soggettista e di co-sceneggiatore.

Oltre a scrivere, Nerozzi è pittore e ha militato come batterista in un gruppo rock dell'area bolognese. Ha partecipato a concerti assieme a gruppi stranieri come gli Uriah Heep e a Lucio Dalla. Ha partecipato al CD Sguardi d'istinti del compositore Flavio Piscopo.

OpereModifica

Ciclo Cry FlyModifica

Serie di romanzi e racconti horror. Narra di un'entità demoniaca capace di possedere la mente di più persone, propagandosi tra loro come un virus e spingendole a commettere efferatezze di ogni genere. Diversi personaggi tentano di opporsi al dilagare di questa entità distruttiva.

  • L'urlo della mosca, Addictions, 1999. si colloca (nella sequenza narrativa) al centro della serie, pur essendo stato scritto per primo; il commissario Costa indaga su omicidi misteriosi scontrandosi con la pazzia, il succedersi dei fatti, l'amore, ma soprattutto con se stesso.
  • Prima dell'urlo, Addictions, 2000. Antologia di racconti tutti precedenti agli avvenimenti narrati in L'urlo della mosca.
  • Immagini collaterali, Addictions, 2003. Romanzo breve, si svolge successivamente a L'urlo della mosca; abbandonato dalla moglie Tiziano Trevi è uno scrittore in crisi creativa che cerca di sopravvivere e un giorno gli viene recapitata una videocassetta con le riprese di alcuni omicidi di giovani donne quindi Trevi incomincia a indagare;
  • Cry-Fly Trilogy, Urania Horror n.1, Mondadori, 2008. Ristampa riveduta e aggiornata dall'autore dell'intero ciclo, a cui viene aggiunto il racconto inedito Ombra nel vuoto.

Ciclo GeniaModifica

Serie horror-religiosa di romanzi ancora in corso di concepimento da parte dell'autore, che avrebbe previsto la stesura di cinque episodi complessivi.[senza fonte]

  • Cuori perduti, Il giallo Mondadori, Mondadori, 2001. Romanzo thriller, vincitore del Premio Tedeschi per il miglior romanzo "giallo" dell'anno, nato come racconto a sé stante e solo successivamente risultato essere una sorta di prequel logico alla saga;
  • Genia, Flaccovio, 2004. Vincitore del premio Le Ali della Fantasia 2006; riprende i personaggi di Cuori perduti e dovrebbe costituire il vero e proprio primo capitolo della saga; in un ospedale psichiatrico, durante un esperimento terapeutico nella mente di Orlando Franci, uno psicopatico criminale in coma, vengono rilevate delle trasmissioni radio provenienti dal passato che sembrano riferirsi a un misterioso atterraggio di meteoriti avvenuto nell'anno 1933 e il capitano Michele Santonero, l'ufficiale dei carabinieri che ha catturato Franci, viene convocato per prenderne atto e si troverà ad affrontare l'impossibile, accompagnato da Angela, la donna che ama, afflitta da una malattia incurabile la cui radice potrebbe trovarsi nella delirante ipotesi di un contagio collettivo;
  • Resurrectum, Flaccovio, 2006. Degli astronomi gesuiti ricevono da una cometa una trasmissione radio del 1939 con la voce di Hitler a un raduno di massa nazista e spirali di colore che forse celano un messaggio digitale: la formula crittografica divina che permette di tradurre quei segnali in codice genetico speciale: un DNA che non sembra umano equivalente allo stesso rilevato nella Sacra Sindone, di cui il Vaticano non ha mai parlato e di una ragazzina di sedici anni, vittima di un terribile stupro.

Ciclo Hydra CrisisModifica

Una prima serie composta da quattro romanzi e un racconto di spionaggio facente parte della saga Hydra scritti da Nerozzi con lo pseudonimo Jo Lancaster Reno, immaginario scrittore di origini francesi. I successivi cicli previsti saranno: Hydra Nemesis, Hydra Eclipsis, Hydra Phoenix.[senza fonte]

Tutti i titoli della serie sono stati pubblicati nella collana tascabile della Arnoldo Mondadori Editore Segretissimo dedicata alla narrativa di spionaggio.

Le storie del ciclo sono caratterizzate da sequenze di avvenimenti concitati, con sviluppi narrativi di estrema violenza e con frequenti episodi hard core. Protagonista delle vicende è un super agente segreto francese chiamato Marc Ange che opera all'interno di un'organizzazione segreta appartenente alle Nazioni Unite denominata Diesis. In tutte le storie del ciclo, Ange e il suo gruppo si devono confrontare con una spietata organizzazione terroristica chiamata Hydra, che ha in comune con il mostro mitologico da cui prende il nome la ramificazione in ogni settore del potere internazionale.

Per rendere più credibile l'esistenza dello scrittore Lancaster Reno, Nerozzi ha attribuito a sé stesso la traduzione italiana dell'opera e ha pure inventato titoli originali immaginari per i singoli romanzi. Nella nota biografica, l'editore attribuisce allo scrittore Lancaster Reno origini sconosciute, contribuendo ad accrescere l'aura di mistero che ne circonda l'attività.

  • L'occhio della tenebra (titolo originale fittizio: Chemin d'Enfer), 2003. Un raptus omicida collettivo colpisce gli abitanti di un paese sperduto sulle Alpi francesi e alla sede Echelon inglese un file in codice riesce a superare le difese dei computer facendo apparire sugli schermi un messaggio inquietante. Ad indagare viene chiamato Marc Ange, un agente fuori quadro dell'unità di crisi del servizio segreto europeo.
  • La coda dello scorpione (titolo originale fittizio: Power to believe), 2004. Nella foresta amazzonica, dopo una vaccinazione, tutti gli abitanti di uno sperduto villaggio muoiono per arresto cardiaco e una task force giunge in elicottero per bruciare i cadaveri e uccidere i pochi sopravvissuti. Marc Ange inizia ad indagare, e scopre le implicazioni di una tentacolare setta religiosa, la Genesis life, con migliaia di adepti in tutto il mondo.
  • Lo spettro corre nell'acqua (titolo originale fittizio: Eaux Oblieux), 2007. Un agente del Diesis in missione viene ritrovato ucciso, decapitato, sulla spiaggia di un'isola al largo di Monte Cristi e l'ultima sua comunicazione inviata alla base d'appoggio è una sequenza di numeri all'apparenza incomprensibile, l'agente si era infiltrato come biologo nell'équipe di Raphael Markos, un miliardario esperto di fondi abissali, inventore di straordinarie apparecchiature subacquee; Marc Ange reduce da una brutta esperienza con uno squalo assassino di specie sconosciuta, viene chiamato ad indagare.
  • Nel cuore del diavolo (titolo originale fittizio: Le diable Kobaka), 2013. Siberia, 1908: un'esplosione misteriosa nella remota regione della Tunguska dà vita a una creatura metà uomo e metà animale, il Kobaka, annunciato dalle profezie di Rasputin. Nel dicembre 1941, una spedizione nazista stermina un intero villaggio per scoprire dove si trova il mostro per prelevarne il cuore. Sessant'anni dopo, l'agente Rachel della Ghost Machine ha recuperato il cuore della creatura in un monastero sui monti Altaj, e ora qualcuno vuole ucciderla. Solo Marc Ange e il Diesis, il servizio segreto europeo, possono aiutarla. Tutte le piste convergono sul misterioso compound sotterraneo di Varlam Drago, detto il Negromante, leader di un'organizzazione estremistica. Là, in un ex gulag-manicomio siberiano riconvertito in centro per esperimenti proibiti, le profezie del Kobaka sveleranno il loro segreto.
  • Sopravvivere alla paura (racconto), 2008, in Legion, edizione speciale di Segretissimo dedicata alle spy story di autori italiani.

Ciclo Hydra NemesisModifica

Seconda fase della saga Hydra. Sempre firmata da Jo Lancaster Reno. Protagonista una nuova eroina: l'agente Rebecca Bannister, già apparsa ne Il cuore del diavolo, che raccoglie il testimone di Marc Ange, proseguendo la lotta contro il mostro dalle tante teste, assieme all'hacker Colombo Viaggiatore.

Agente Nemesis - Furia Letale (titolo originale fittizio: Hydra Nemesis, La fureur de l'assassin), 2014.

Crazy diamond (racconto), 2016, in Noi siamo legione, seconda edizione speciale di Segretissimo dedicata alle spy story di autori italiani.

Agente Nemesis - Ultimo sangue (titolo originale fittizio: Hydra Nemesis, Sang final), 2017.

Angelo nero (racconto), 2017, in Gli uomini della legione, terza edizione speciale di Segretissimo dedicata alle spy story di autori italiani.

Agente Nemesis - Sfida mortale (titolo originale fittizio: Hydra Nemesis, Les croyants du mal), 2018.

Agente Nemesis - La resa dei conti (titolo originale fittizio: Hydra Nemesis, Le Démon Rouge), 2019 - Finale di stagione.

Ciclo Il ProvocatoreModifica

Spin off della saga Hydra, firmata da Jo Lancaster Reno. Ambientato dalla fine degli anni 1990 ai giorni nostri, vede come protagonista Julian Bruce, agente dell'Homerus, un'agenzia privata che lavora per la NATO e che fornisce agenti provocatori da infiltrare nelle organizzazioni criminali e terroristiche. Un Bruce già cinquantenne è apparso più volte negli episodi dell'agente Nemesis. Questa frangia seriale narra quindi i suoi esordi operativi, così come la sua scalata ai vertici di comando dell'Homerus.

Primo sangue (racconto), 2019 - Anticipazione della nuova stagione.

Il provocatore - Come il mondo vuole (titolo originale fittizio: Agente Provocateur, Les commandes du monde), 2020

Ciclo CruciformModifica

Serial Digitale in e-book in sei parti pubblicato da Delos Digital (1 - Persone orribili, 2 - La notte chiusa, 3 - Il sogno della falena, 4 - La luce finta della luna, 5 - Negli specchi oscuri , 6 - L'estasi e la rabbia)

Il ciclo è un reboot del romanzo Ogni respiro che fai, uscito nel 2000. .

Altri romanziModifica

  • Ultima pelle, Edizioni Eden, 1991 (con lo pseudonimo F.J. Crawford). Storia di un uomo che in seguito ad un incidente, dopo aver scoperto il tradimento della moglie, gli viene trapiantata una nuova pelle e per via della sua instabilità fisica viene relegato dalla moglie in un'ala della casa per poter continuare a tradirlo.
  • Le bocche del buio, Edizioni Polistampa, 1993
  • Ogni respiro che fai, AdnKronos, 2000. Storia di vampiri.
  • Memoria del sangue, Carrocci editore, 2007. Edizione limitata per conto della casa farmaceutica Baxter, si tratta di un thriller paranormale con un intreccio che si rifà ai grandi classici del genere e con un chiaro omaggio a Shining di Stanley Kubrick/Stephen King. Uscito in una nuova versione solo digitale per Mezzotints editore nel 2014.
  • Il cerchio muto, Editrice Nord, 2009. Seguito di Immagini collaterali. Romanzo parapsicologico, prende le mosse dalla piaga degli incidenti stradali del dopo-discoteca e si sviluppa in una cupa vicenda di predestinazione e morte. Edizione in lingua tedesca: Todesmake, 2011.
  • Continuum, il soffio del male, Tre60, 2012. Thriller soprannaturale in cui il commissario Francesco Negronero (già protagonista di Immagini Collaterali e padre di uno dei personaggi de Il Cerchio muto) si scontra con un boss malavitoso geniale. Si colloca temporaneamente tra Immagini Collaterali e Il cerchio muto.[1]
  • Quintessence, Delos digitale, 2014. Ottava puntata della serie Nomads ideata da Alan D. Altieri, spin off della saga horror The tubes creata da Franco Forte.
  • Punto di saturazione, Delos digitale, 2016. Nella collana Horror Story curata da Luigi Boccia. Romanzo breve già apparso in Prima dell'Urlo e in Cry Fly.
  • Bloodyline, Ink edizioni, 2019. Nella collana Medical Noir diretta da Edoardo Rosati e Danilo Arona. Reboot del romanzo Memoria del sangue.

Libri per ragazziModifica

  • Una notte troppo nera, Disney Libri, 2000. Giunto alla quinta ristampa, con più di 25.000 copie vendute[senza fonte], contenente un'avventura di Topolino.
  • La creta oscura, Super brividi, Mondadori, 2007. Un demone malvagio, nelle vesti di un misterioso Cartolaio dagli occhi di serpente, vuole rubare l'anima di un ragazzo, Tommaso, e poi mangiarsela: per questo gli dà una creta che ha il potere di animare le sculture, di trasformarle in esseri viventi e così i terribili mostri che Tommaso modella nella speranza di vincere la paura improvvisamente diventano reali, gli si avventano contro e non gli danno pace.

Racconti e romanzi breviModifica

  • La fine dell'estate, in In fondo al nero, antologia curata da Nerozzi e pubblicata in Millemondi Inverno 2003, Arnoldo Mondadori Editore, 2003. Novella apocalittica sulla fine dell'umanità, vista attraverso gli occhi di un gruppo di adolescenti dal destino segnato. Si tratta di un'anticipazione di quello che verrà descritto nell'ultimo romanzo della saga di Genia.
  • Alla fine della notte, ne L'ora blu, Aliberti Editore, 2006. Romanzo breve scritto in collaborazione con Andrea Cotti, costituisce una revisione, con ampliamento, di Le bocche del buio del 1993.
  • Fino alla fine, in Apocalissi 2012, 2012. Racconto breve sulla fine del mondo.
  • L'odore nero del caffè. Un racconto contenuto nell'antologia Giallo panettone, Mondadori, 2012
  • La confessione. Un racconto contenuto nell'antologia 365 racconti erotici per un anno, Atlantide n. 7, Delos Books, 2012. ISBN 9788865300015

AntologieModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24544228 · ISNI (EN0000 0000 5270 7375 · SBN IT\ICCU\CFIV\133720 · LCCN (ENnr2003019273 · GND (DE1018285377 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2003019273