Giovanni Galeazzo Bossi

Giovanni Galeazzo Bossi, II marchese di Musso
Marchese di Musso
Stemma
Predecessore Fabrizio Bossi, I marchese di Musso
Successore Fabrizio Benigno Bossi, III marchese di Musso
Trattamento Sua Eccellenza
Nascita Milano, 24 giugno 1619
Morte Milano, 6 luglio 1684
Dinastia Bossi
Padre Fabrizio Bossi, I marchese di Musso
Madre Laura Fregoso
Consorte Angela Apollonia Ordogno de Rosales
Religione cattolicesimo

Giovanni Galeazzo Bossi, II marchese di Musso (Milano, 24 giugno 1619Milano, 6 luglio 1684), è stato un nobile e politico italiano.

BiografiaModifica

Figlio primogenito di Fabrizio Bossi o Bossio, I marchese di Musso[1], e di sua moglie, la nobile genovese Laura Fregoso, marchesa di Gavi, Giovanni Galeazzo Bossi nacque a Milano nel 1621. Su sprone del padre venne avviato alla carriera forense, studiando e laureandosi in legge all'Università di Pavia.

Nel 1644 venne ammesso al collegio dei giureconsulti di Milano e nel 1648 venne nominato uditore generale delle milizie foresi per la notevole abilità dimostrata nel suo campo. In quello stesso anno divenne anche decurione nel consiglio generale di Milano. Nel 1651 venne nominato consultore del tribunale della Santa Inquisizione per la città di Milano.

Nel 1652 venne designato quale vice-vicario di provvisione e, l'anno successivo, ottenne la carica di vicario che già suo padre aveva ricoperto mezzo secolo prima. Dal 1654 e per due mandati di biennio, fu giudice del gallo e dal 17 luglio 1664 fu capitano di giustizia. Dal 1672 fu giudice fiscale. Il 7 settembre 1673, Carlo II di Spagna lo nominò senatore del senato di Milano ed il 6 giugno 1682 fu podestà a Pavia. Rieletto decurione del consiglio cittadino di Milano, rimase in tale carica sino alla sua morte avvenuta il 6 luglio 1684.

Oltre alle sue dissertazioni in materia di legge, lasciò uno scritto dal titolo Phoebus - Panegyrica dictio de Daniele Comite Patritio Medioalensi data alle stampe a Milano nel 1636. Suo pronipote sarà Cesare Brivio Sforza, VIII marchese di Santa Maria in Prato che pure ricoprirà la carica di vicario di provvisione a Milano.

Matrimonio e figliModifica

Giovanni Galeazzo Bossi sposò la marchesa Angela Apollonia Ordogno de Rosales. Tra i figli che ebbe la coppia figurano:

  • Laura (1664-1724), sposò il 3 luglio 1688 il nobile Cesare Brivio, marchese di Santa Maria in Prato
  • Fabrizio Benigno, III marchese di Musso (1667-), sposò Silvia Fossani
  • Simone, decurione i sessanta decurioni di Milano

GenealogiaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Fabrizio Bossi Antonio Bossi  
 
?  
Simone Bossi  
? ?  
 
?  
Fabrizio Bossi, I marchese di Musso  
Massimiliano Calvi ?  
 
?  
Angela Calvi  
? ?  
 
?  
Giovanni Galeazzo Bossi, II marchese di Musso  
Girolamo Fregoso, I marchese di Gavi Giovanni Battista Fregoso  
 
Marzia Fregoso  
Orazio Fregoso, II marchese di Gavi  
Ippolita Giustiniani Niccolò Giustiniani  
 
?  
Laura Fregoso, III marchesa di Gavi  
Gian Galeazzo Fregoso Giovanni Battista Fregoso  
 
Marzia Fregoso  
Lavinia Fregoso  
Laura Giudice Giovanni Battista Giudice  
 
?  
 

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • F. Argelati, Bibliotheca scriptorum Mediolanensium, vol. I, Milano 1745, col. 218
  • G. M. Mazzuchelli, Gli Scrittori d'Italia, vol. II, 3, Brescia 1762, p. 1854
  • F. Calvi, Il patriziato milanese, Milano 1865, p. 402
  • F. Arese, Elenco dei magistrati patrizi di Milano, vol. I, I sessanta decurioni del Consiglio Generale della città di Milano, ibid., LXXXIV (1957), 7, pp. 168, 172
  • P. Litta, Le famiglie celebri italiane, cap. Bossi, tav. III.

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie