Giovanni Previtali

storico dell'arte italiano

Giovanni Previtali (Firenze, 4 marzo 1934Roma, 3 febbraio 1988) è stato uno storico dell'arte e docente italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dapprima allievo di Lionello Venturi all'Università di Roma, si trasferì nel 1954 all'Università di Firenze per seguire le lezioni di Roberto Longhi, inaugurando un sodalizio intellettuale che continuò fino alla morte di Longhi e col quale discusse la sua tesi di laurea nel 1957, che fu pubblicata nel 1964 col titolo La fortuna dei primitivi. Di idee marxiste, collaborò dal 1961 alla rivista Paragone ma, a seguito di attriti emersi dopo la morte di Longhi, si dimise nel 1971. Nel 1961 soggiornò a Parigi. Fondò assieme all'archeologo Mauro Cristofani la rivista Prospettiva nel 1975. Previtali insegnò alle Università di Messina, Siena e Napoli. Negli anni Settanta egli fu il coordinatore dei primi 4 volumi della Storia dell'arte, una monumentale enciclopedia per l'Editore Einaudi.

OpereModifica

  • Giotto, Collezione I Maestri del colore n.25 e 26, Fabbri Editori, Milano, 1963
  • La fortuna dei primitivi: dal Vasari ai neoclassici, Collana Saggi n.343, Einaudi, Torino, 1964; pref. Enrico Castelnuovo, Einaudi, 1989.
  • Gli affreschi di Giotto a Padova , Fabbri-Skira, Milano, 1965.
  • Gli affreschi di Giotto ad Assisi, Collana Grandi decoratori, Fabbri-Skira, Milano, 1965.
  • Piero della Francesca, Collezione I Maestri del colore n.89, Fabbri Editori, Milano, 1965.
  • Giotto e la sua bottega, Fabbri Editori, Milano, I ed. 1967- II ed. aggiornata 1974; pref. di Alessandro Conti, Rizzoli Libri illustrati, Milano, 1993.
  • La pittura del Cinquecento a Napoli e nel Vicereame, Collana Saggi n.595, Einaudi, Torino, 1978.
  • Andrea da Salerno nel Rinascimento meridionale, catalogo della mostra, Certosa di San Lorenzo, Padula (Salerno), 21 giugno-31 ottobre 1986; Firenze, 1986
  • Studi sulla scultura gotica in Italia: storia e geografia, pref. Luciano Bellosi, Collana Biblioteca di storia dell'arte.Nuova serie n.15, Einaudi, Torino, 1991, ISBN 88-06-11881-1.
  • La pittura a Napoli tra Cinquecento e Seicento, Guida, Napoli, 1991.
  • Recensioni, interventi, questioni di metodo. Scritti da quotidiani e periodici 1962-1988, pref. Riccardo Naldi e Andrea Zezza, Paparo, Napoli, 1999.

Curatele e PrefazioniModifica

  • Enciclopedia Feltrinelli Fischer. 3 volumi: Arte 2, 23. 2/I, 23. 2/II, Feltrinelli, Milano, 1971.
  • Giovan Pietro Bellori, Le vite de' pittori, scultori e architetti moderni, a cura di Evelina Borea, pref. G. Previtali, Collana i millenni, Einaudi, Torino, I ed. 1976.
  • Storia dell'arte italiana. Questioni e metodi, Parte prima. Materiali e problemi, volume I, Collana Grandi Opere, Einaudi, Torino, 1978.
  • Storia dell'arte italiana. L'artista e il pubblico, Parte prima. Materiali e problemi, volume II, Collana Grandi Opere, Einaudi, Torino, 1979.
  • Storia dell'arte italiana. L'esperienza dell'antico, dell'Europa, della religiosità, Parte prima. Materiali e problemi, volume III, Collana Grandi Opere, Einaudi, Torino, 1979.
  • Storia dell'arte italiana. Ricerche spaziali e tecnologie, volume IV, Collana Grandi Opere, Einaudi, Torino, 1980.
  • Roberto Longhi, Caravaggio, Editori Riuniti, Roma, 1982.

Archivio personaleModifica

Il suo archivio è stato donato nel maggio 2014 alla Biblioteca di area umanistica[1] dell'Università degli Studi di Siena. È suddiviso in serie: corrispondenza; documenti; materiali di studio e di lavoro[2].

NoteModifica

  1. ^ Biblioteca Area Umanistica Siena, su sba.unisi.it.
  2. ^ Archivio Giovanni Previtali, su Università degli Studi di Siena. URL consultato il 9 febbraio 2018.

BibliografiaModifica

  • (FR) Giovanni Romano, «Giovanni Previtali et l'histoire de l'art», "Revue de l'Art" n.99, vol. 99, 1993;
    • edizione italiana in Storie dell'arte: Toesca, Longhi, Wittkower, Previtali, Donzelli, Roma, 1998.
  • Arturo Galansino, Giovanni Previtali, storico dell'arte militante, rivista "Prospettiva" n.149-152, Centro di Firenze, 2015.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79070539 · ISNI (EN0000 0001 1884 5245 · SBN IT\ICCU\CFIV\029301 · BNF (FRcb121701997 (data)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie