Giuditta e Oloferne (Goya)

dipinto di Francisco Goya
Giuditta e Oloferne
Judith y Holofernes.jpg
AutoreFrancisco Goya
Data1819-1823
Tecnicaolio su tela
Dimensioni143,5 cm×81,4 cm
UbicazioneMuseo del Prado, Madrid

Giuditta e Oloferne è una delle pitture nere che formarono le decorazioni della casa —chiamata Quinta del Sordo— che Francisco Goya acquistò nel 1819. Secondo la tradizione, Giuditta era una donna della città di Betulia, che fu presa dagli Assiri. Un elemento fondamentale dell’esercito degli Assiri era il generale Oloferne; se lui fosse sparito, il morale delle truppe sarebbe drasticamente crollato. Giuditta allora lo fece ubriacare, e quando questo si addormentò, la donna utilizzò la spada del generale per decapitarlo; ucciso Oloferne, come previsto gli Assiri si ritirarono e la città di Betulia si salvò. Se guardi con attenzione il volto di Giuditta, puoi vedere che i suoi occhi sono chiusi: questo particolare potrebbe indicare che stia agendo guidata dalla mano di Dio, oppure, al contrario, potrebbe essere in preda ad una furia cieca, che l’ha portata ad eliminare il generale assiro.

BibliografiaModifica

  • BOZAL, Valeriano, Francisco Goya, vida y obra, (2 vols.) Madrid, Tf. Editores, 2005. ISBN 84-96209-39-3.
  • BOZAL, Valeriano, Pinturas Negras de Goya, Tf. Editores, Madrid, 1997.
  • GLENDINNING, Nigel, Francisco de Goya, Madrid, Cuadernos de Historia 16 (col. «El arte y sus creadores», nº 30), 1993.
  • HAGEN, Rose-Marie y HAGEN, Rainer, Francisco de Goya, Colonia, Taschen, 2003. ISBN 3-8228-2296-5.

Collegamenti esterniModifica