Apri il menu principale

Giuseppe Depanis

avvocato e critico musicale italiano

Giuseppe Depanis (Torino, 1853Torino, 1942) è stato un avvocato e critico musicale italiano.

BiografiaModifica

Il padre di Giuseppe Depanis, Giovanni, fu impresario teatrale (1823-1889), fautore della musica wagneriana e della nuova musica operistica degli autori italiani, tedeschi e francesi. Nella sua gestione del Teatro Regio di Torino furono eseguite le prime italiane del Roide Lahore di Massenet (1878) e la Carmen di Bizet (1881).[1]

Giuseppe Depanis, figlio di Giuseppe e di Margherita Maloria, studiò legge e si laureò in giurisprudenza, ma sin dall'adolescenza si dedicò alla musica seguendo gli insegnamenti di C. Rossaro per la teoria e di S. Tempia per il violino.[1]

Partecipò al consiglio direttivo dell'istituto musicale di Torino dal 1884, guidò la Società dei concerti, fondò la Società di musica da camera. Collaborò con numerose commissioni istituite a beneficio della cultura musicale torinese.

Dal 1896 si interessò all'attività industriale e alla vita pubblica. Fu consigliere comunale (1896), assessore (1898-1903) e assessore anziano (1909).

Fu tra i precursori della cultura sinfonica e teatrale nel capoluogo piemontese. Appassionato di Wagner, grazie al suo impegno furono realizzate le prime dell'Anello e degli altri lavori di Wagner.[2]

Tra le sue numerose attività, va annoverata l'importante collaborazione con il padre nella gestione del teatro Regio.

Collaborò all'organizzazione di una serie di concerti popolari a Torino, durante le Esposizioni di fine secolo e del 1911.[2]

È stato critico musicale della Stampa e diresse la Gazzetta letteraria.

Tra le sue pubblicazioni, annoveriamo: L'anello del Nibelungo (1896), I concerti popolari ed il Regio di Torino (1914). Quest'ultimo risultò il libro più noto, scritto in uno stile giornalistico e narrativo, impreziosito inoltre di aneddoti piacevoli; l'autore descrisse la vita musicale cittadina di fine Ottocento, inserendovi le biografie di importanti compositori, quali Catalani, Massenet, Goldmark, Rossaro, Bottesini e Pedrotti.

Negli ultimi anni di vita ebbe difficoltà economiche.

NoteModifica

  1. ^ a b Giuseppe Depanis, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 2 aprile 2018.
  2. ^ a b Andrea Della Corte e Guido M. Gatti, Dizionario di musica, Torino, Paravia, 1956, p. 182.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15567435 · LCCN (ENn96042106 · WorldCat Identities (ENn96-042106
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie