Gli amori (Pseudo Luciano)

Gli amori
Titolo originale Ἔρωτες
Altri titoli Amore - I due tipi di amore
Autore Pseudo Luciano di Samosata
1ª ed. originale II secolo
Genere dialogo
Sottogenere trattato
Lingua originale greco

Gli amori (Ἔρωτες; "Amores") o I due tipi di amore sono un dialogo scritto in lingua greca antica. Michel Foucault ne ha discusso ampiamente nella sua Storia della sessualità. La satira, suddivisa in 54 brevi capitoli, descrive una discussione che avviene tra due uomini, uno favorevole all'eterosessualità, l'altro alla pederastia.

Si tratta di un esempio di "certame letterario" che mette a confronto l'amore per le donne e quello per i ragazzi, giungendo alla conclusione che quest'ultimo è di gran lunga preferibile. Il dialogo è stato veicolato e trasmesso come lavoro di Luciano di Samosata; ma molti studiosi contemporanei ne hanno messo in discussione la paternità, basandosi sullo stile stesso della narrazione.

Il testo è anche famoso per la vivida descrizione che dà della scultura di Prassitele Afrodite di Cnido.

Lo stesso argomento è stato trattato anche nell'Amatorius - Sull'amore di Plutarco, per giungere ad una conclusione opposta.

Voci correlateModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura