Glyptostrobus

Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Glyptostrobus
Glyptostrobus 01.jpg
Glyptostrobus sp. Fogliame fossilizato, 49 mya, Washington, USA
Intervallo geologico
Cretaceo-Recente
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Cupressaceae
Sottofamiglia Taxodioideae
Genere Glyptostrobus Endl.[1]
Specie

Glyptostrobus è un genere di conifere appartenente alla famiglia delle Cupressaceae (Precedentemente alla famiglia delle Taxodiaceae). L'unica specie vivente, il cipresso delle paludi cinese (Glyptostrobus pensilis) è nativo del sud-est della Cina subtropicale, con un areale che si estende dall'ovest del Fujian al sud-est dello Yunnan, è presente inoltre nel Vietnam settentrionale e nella provincia di Borikhamxai nel Laos meridionale in prossimità del confine vietnamita.[2][3]

Il genere in precedenza aveva un areale molto più ampio che nel Paleocene ed Eocene arrivava a coprire gran parte dell'emisfero settentrionale compreso l'alto Artico. I fossili più antichi conosciuti sono stati rinvenuti in nord America e appartengono al tardo Cretaceo. Il suo areale si ridusse a quello attuale durante le ere glaciali del Pleistocene.[4]

NoteModifica

  1. ^ Glyptostrobus Endl., in Germplasm Resources Information Network, United States Department of Agriculture, 17 luglio 2007. URL consultato il 14 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  2. ^ Nguyễn Đúc Tố Luu, Philip Ian Thomas, 2004. Conifers of Vietnam. 94 pp. Centre for Ecology & Hydrology, NERC, UK.
  3. ^ Leonid V. Averyanov, Ke Loc Phan, Tien Hiep Nguyen, Sinh Khang Nguyen, Tien Vinh Nguyen and Thuy Duyen Pham, 2009. Preliminary Observation of Native Glyptostrobus pensilis (Taxodiaceae) Stands in Vietnam. Taiwania, 54(3): 191-212 Archiviato il 20 marzo 2012 in Internet Archive..
  4. ^ LePage, B.A. 2007. The Taxonomy and Biogeographic History of Glyptostrobus. Bulletin of the Peabody Museum of Natural History, 48(2): 359-426. DOI10.3374/0079-032X(2007)48[359:TTABHO2.0.CO;2]