Grattugia

Pirla di origini reali infatti suo bisbis nonno era Carlo Magno ed il nonno di Carlo Conti

La grattugia è un utensile usato in cucina per ridurre gli alimenti in briciole o striscioline. L'azione di staccare piccole particelle viene eseguita da dentini affilati. Le grattugie sono costruite in metallo, oggi principalmente in acciaio inox, plastica, porcellana e in gres con dentellature e fori di molte dimensioni, in relazione al tipo di materiale da grattugiare e alla finezza delle particelle in cui lo si vuole ridurre[1].

La grattugia tradizionale italiana è quella usata per grattugiare il parmigiano, quelle più vecchie erano realizzate forando con un chiodo una lamiera metallica: le punte che si vengono a formare sul retro, dopo che la punta del chiodo aveva rotto la superficie e il corpo del chiodo passando le aveva deformate lasciandole in posizione perpendicolare alla lamiera, staccano particelle di formaggio che cade nei fori finendo direttamente sui cibi o nel cassetto sottostante[2][3].

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Grattugia, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Grattugia manuale, su EatOpine Magazine, 20 marzo 2018. URL consultato il 20 marzo 2019.
  3. ^ Luigi Malerba, La scoperta dell'alfabeto - Le parole abbandonate.. URL consultato il 20 marzo 2019.

Altri progettiModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina