Apri il menu principale

Grazia Pierantoni Mancini

poetessa e scrittrice italiana

Grazia Pierantoni Mancini (Napoli, 16 maggio 1841Roma, 12 maggio 1915) è stata una poetessa e scrittrice italiana.

Indice

BiografiaModifica

Fu la prima figlia del patriota Pasquale Stanislao Mancini e della poetessa Laura Beatrice Mancini. Dopo i moti di Napoli del 1848 la famiglia dovette trasferirsi a Torino.

Dopo l'impresa garibaldina del 1860 visse tra Napoli e Torino.

Il 16 gennaio 1868 sposò a Firenze il giurista Augusto Pierantoni, con cui ebbe tre figli.

Nel 1880 la famiglia Pierantoni si trasferì a Roma.

Fu tra le fondatrici della Società per la Coltura della Donna, dell'Istituto per le ragazze disoccupate, per i minorenni condannati, della Società Soccorso e Lavoro.

Fu Ispettrice delle Scuole femminili di Roma. Fondò a proprie spese un Asilo, una Scuola di lavoro femminile ed un Ricreatorio musicale a Centurano (Caserta).

Fu decorata con la Medaglia d'oro dei benemeriti della Romania da Carlo I di Romania e con la Medaglia d'argento come benemerita dell'istruzione popolare dal Ministro della Pubblica Istruzione.

OpereModifica

  • Teatro per le fanciulle, Napoli 1874
  • Teatro per fanciulle, Morano, Napoli 1874
  • Poesie, Bologna 1879
  • Valentina. Fiori appassiti, Brigola, Milano 1879
  • Dora e altre novelle, Brigola, Milano 1880
  • Commedie d'infanzia, Ottino, Milano 1880
  • Lidia, Ottino, Milano 1880
  • Dalla finestra, Leonardo Vallardi, Napoli 1881
  • L'ultima recita, Tip. G. Nobile e C., Caserta 1884
  • Sul Tevere, Sommaruga, Roma 1884
  • Un giornalista, Morano, Napoli 1885
  • Costanza, Loescher, Roma 1887
  • Nuove poesie, Turi, Caserta 1888
  • Marito ed avvocato, Fratelli Pallotta, Napoli 1892
  • Donnina, Pierro, Napoli 1892
  • Una pagina di storia, Forzani, Roma 1898
  • La signora Tilberti, Lapi, Città di Castello 1900
  • Novelle umili, Giannotta, Catania 1904
  • Matilde di Canossa, Cooperativa poligrafica editrice, Roma 1904
  • Impressioni e Ricordi 1856-1864, Cogliati, Milano 1908

BibliografiaModifica

  • O. Roux, Infanzia e giovinezza di illustri italiani, Firenze 1909
  • S. Montuori, F. De Sanctis nei ricordi di Grazia Pierantoni Mancini, in Il Roma, 26 febbr. 1910
  • F. Zampini Salazar, Grazia Pierantoni Mancini, in Nuova Antologia, 16 giugno 1915
  • Arslan, Dame, galline e regine: la scrittura femminile italiana fra '800 e '900, Milano 1998
  • Santoro, Piccola antologia di scrittrici campane, Napoli 2001

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN30280870 · ISNI (EN0000 0000 7820 3722 · SBN IT\ICCU\PALV\027144 · LCCN (ENnr2005005301 · GND (DE11618020X · BAV ADV11052651