Apri il menu principale
Groupe de haute montagne
AbbreviazioneGHM
Fondazione1919
Sede centraleFrancia Chamonix
PresidenteChristian Trommsdorff
Sito web

Il Groupe de haute montagne (GHM) è un'associazione fondata nel 1919 per riunire gli alpinisti francesi e internazionali che compiono con regolarità salite difficili in alta montagna.[1]

Indice

StoriaModifica

Il Groupe de haute montagne fu fondato nel 1919 da un gruppo di parigini, pionieri dell'alpinismo, che si allenavano nella Foresta di Fontainebleau: Paul Job, Jacques de Lépiney e Paul Chevalier, già membri del Club Alpino Francese (CAF).

Nel 1927 il GHM si unì con il "Club académique français d'alpinisme" (CAFA), fondato a Parigi nel 1925.

Nel 1930 il GHM, di vocazione elitaria, si separò dal CAF, destinato invece al grande pubblico, mantenendo però un rapporto di collaborazione tra i due gruppi. Diversi presidenti del CAF erano membri del GHM: Claude Deck, Lucien Devies, Jean Escarra, Jean Franco, Maurice Herzog.

Nel 1955 la rivista del CAF (La Montagne) e la rivista del GHM (Alpinisme) si fusero assieme per fondare La Montagne et Alpinisme.[2]

Il lavoro del GHM consiste nel creare un alpinismo francese di livello internazionale. Fanno parte del GHM anche alpinisti stranieri, che al 1997 erano il 45% dei 253 membri.[2]

Presidenti del GHMModifica

Nel seguente elenco i presidenti del GHM dal 1919:[3]

NoteModifica

  1. ^ (FR) Le Groupe de Haute Montagne, ghm-alpinisme.fr. URL consultato il 19 agosto 2013.
  2. ^ a b (FR) Histoire, ghm-alpinisme.fr. URL consultato il 19 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).
  3. ^ (FR) Annuaire 2005, ghm-alpinisme.fr. URL consultato il 19 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).
  4. ^ (FR) Assemblée generale du Groupe de Haute-Montagne (PDF), ghm-alpinisme.fr, 27 novembre 2004. URL consultato il 19 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).
  5. ^ (FR) Annuaire, ghm-alpinisme.fr. URL consultato il 19 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2013).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica