Guardia repubblicana speciale irachena

Guardia repubblicana speciale irachena
الحرس الجمهوري الخاص
Ḥaris al-‘Irāq al-Jamhūriyy al-Khas
Iraqi Republican Guard Symbol.svg
Insegna del Comando della Guardia repubblicana irachena
Descrizione generale
Attiva1992-2003
NazioneFlag of Iraq (1991–2004).svg Iraq
ServizioForze speciali
TipoGuardia pretoriana
Ruoloprotezione di Saddam Hussein e del regime ba'athista iracheno
Dimensione12.000 uomini (2003)
Guarnigione/QGBaghdad
Battaglie/guerreGuerra in Iraq
Parte di
Comandanti
Degni di notaQusayy Saddam Hussein
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Guardia repubblicana speciale irachena (SRG) in (arabo: الحرس الجمهوري الخاص, Ḥaris al-‘Irāq al-Jamhūriyy al-Khas), conosciuta anche come Brigata di forze speciali del palazzo presidenziale[1], Forze di protezione speciali della Guardia repubblicana[2] o Divisione dorata, era una forza di sicurezza personale irachena fondata nel 1992 o nel marzo del 1995 nell'Iraq ba'athista. La Guardia repubblicana speciale era controllata dalla Organizzazione di Sicurezza Speciale Irachena ed aveva il compito di proteggere il presidente dell'Iraq Saddam Hussein, i siti presidenziali, la capitale dell'Iraq Baghdad e di rispondere a qualsiasi tentativo di ribellione, colpo di stato e minaccia al potere del regime ba'athista iracheno.

StoriaModifica

Nel tentativo di prevenire un eventuale un colpo di stato, Saddam Hussein formò la Guardia repubblicana speciale (SRG) prelevando unità da altre forze, la stessa Guardia repubblicana irachena o altre forze di sicurezza non erano abilitate a controllare la Guardia repubblicana speciale.[3]

La guardia repubblicana speciale riceveva un miglior pagamento e altri benefici, anche della stessa guardia repubblicana normale e dell'Esercito iracheno. Al 2002, la Guardia repubblicana speciale contava 12.000 uomini, reclutati principalmente da clan fedeli al regime ba'athista e a Saddam Hussein. La guardia repubblicana speciale era composta da 5 brigate, composte da 14 battaglioni di 1300-1500 uomini ciascuno, ed era riportato che la forza avesse a disposizione anche armi contraeree, mezzi corazzati e dell'artiglieria. Nel 2003, in seguito al rovesciamento del regime ba'athista la guardia repubblicana speciale fu disciolta per effetto dell'ordine numero due all'alba dell'invasione dell'Iraq da parte della coalizione a guida statunitense.

Degli ex membri di questa forza sono stati sospettati di aver condotto attacchi insurrezionali contro le forze della coalizione in seguito all'occupazione dell'Iraq, ma vi è anche la possibilità che molti militi di tale forza siano andati a costituire i quadri dei Sahwa e del risveglio dell'Anbar. Molti uomini di questa forza sono entrati anche a far parte delle forze di sicurezza del nuovo governo iracheno.

StrutturaModifica

La guardia repubblicana speciale aveva dai 13 ai 14 battaglioni composti da 15.000 a 26.000 uomini. Questa composizione scese a 12.000 uomini nel 2002.

  • 1ª Brigata
  • 2ª Brigata
  • 3ª Brigata
  • 4ª Brigata
  • Comando di difesa aerea
  • Comando dei corpi corazzati

NoteModifica

  1. ^ (EN) Special Republican Guard (SRG).
  2. ^ (EN) IRAQ'S SECURITY AND INTELLIGENCE NETWORK: A GUIDE AND ANALYSIS (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2008).
  3. ^ (EN) Iraqi Perspective Project: A View of Operation Iraqi Freedom from Saddam's Senior Leadership (PDF), 8 dicembre 2015. URL consultato il 15 novembre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).