L'Organizzazione di Sicurezza Speciale Irachena (in arabo: الأمن الخاص‎, Al-Amn al-Khas), era la più potente agenzia di sicurezza dell'Iraq sotto il regime di Saddam Hussein ed era responsabile della sicurezza personale degli ufficiali governativi di alto grado e delle strutture presidenziali.[1] Il suo direttore Hani Abd Al-Latif Tilfah Al-Tikriti era il ricercato numero 7 del regime iracheno da parte degli Stati Uniti. Fu catturato nel giugno 2004.[2] L'organizzazione si dissolse il 23 maggio 2003 con il decreto numero 2 dell'Autorità Provvisoria della Coalizione per ordine di Lewis Paul Bremer.[3]

DirettoriModifica

secondo l'Iraq Survey Group Final Report[4] i direttori dell'organizzazione furono i seguenti:

NoteModifica

  1. ^ (EN) IRAQ'S SECURITY AND INTELLIGENCE NETWORK: A GUIDE AND ANALYSIS, 10 gennaio 2008. URL consultato il 4 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2008).
  2. ^ (EN) Iraq: Peacekeeping Operations, 2 marzo 2009. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) COALITION PROVISONAL SUTHORITY ORDER NUMBER 2 (PDF), 1º luglio 2004. URL consultato il 4 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2004).
  4. ^ (EN) Iraq Survey Group Final Report.