Guglielmo di Magonza

vescovo cattolico tedesco
Guglielmo di Magonza
arcivescovo della Chiesa cattolica
Incarichi ricopertiArcivescovo di Magonza
 
Nato929
Nominato arcivescovo17 dicembre 954
Deceduto2 marzo 968 a Rottleberode
 

Guglielmo di Magonza (929Rottleberode, 2 marzo 968) fu arcivescovo di Magonza dal 17 dicembre 954 alla morte.

BiografiaModifica

Era il figlio dell'allora sedicenne[1] e futuro imperatore Ottone I il Grande e di una nobile prigioniera veneda (slavi occidentali che vivevano vicino al confine tedesco)[2].

Il 17 dicembre 954 Guglielmo fu nominato arcivescovo di Magonza in seguito alla morte dell'arcivescovo ribelle Federico. Guglielmo ricevette la conferma da papa Agapito II e anche il titolo di vicario apostolico di Germania, un titolo che rese gli arcivescovi di Magonza rappresentanti del papa in Germania e concesse all'arcidiocesi di Magonza il titolo di Santa Sede. Da suo padre Guglielmo ricevette anche il titolo di "Cappellano dell'Impero".

Riportò il corpo del fratellastro Liudolfo di Svevia, morto a Pombia, in Germania seppellendolo nell'abbazia di Sant'Albano[3]. Fu un tutore del nipote Ottone II assieme al margravio Odo I.

Guglielmo morì a Rottleberode nel 968 e fu sepolto nell'abbazia di Sant'Albano a Magonza.

BibliografiaModifica

  1. ^ Carla del Zotto, Rosvita. La poetessa degli imperatori sassoni, Milano, Jaca Book, p. 92, nota 10, ISBN 978-88-16-43522-3.
  2. ^ Karl Uhlirz, Allgemeine Deutsche Biographie (ADB), Band 43ª ed., Leipzig, Duncker & Humblot, 1898, pp. 115–117.
  3. ^ Hagen Keller, 2. Una nuova dinastia regia, in Giovanni Isabella (a cura di), Gli Ottoni. Una dinastia imperiale fra Europa e Italia (secc. X e XI), Vignate (MI), Carocci Editore, Dicembre 2018, p. 54-56, ISBN 978-88-430-5714-6.
Controllo di autoritàVIAF (EN72190677 · GND (DE118807366 · CERL cnp01467074 · WorldCat Identities (ENviaf-72190677