Gunneraceae

famiglia di piante
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gunneraceae
Gunnera.manicata.arp.750pix.jpg
Gunnera manicata
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Haloragales
Famiglia Gunneraceaebr/>Meisn., 1842[1][2]
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Nucleo delle eudicotiledoni
Ordine Gunnerales
Famiglia Gunneraceae
Meisn., 1842[1][2]
Serie tipo
Gunnera
L.
Genere

Gunneraceae Meisn., 1842[1][2] è una famiglia di piante angiosperme dell'ordine Gunnerales.

DescrizioneModifica

Le Gunneraceae sono principalmente note per le specie che recano foglie di dimensioni giaganti, anche superiori a 4 m, ma molte specie sono molto più piccole e meno appariscenti rispetto ad esempio alla pianta comunemente coltivata Gunnera manicata (chiamata rabarbaro gigante per la sua somiglianza con il rabarbaro). Sono piante perenni. Sono caratterizzate dal fatto che i cianobatteri del genere Nostoc (batteri azotofissatori) sono endosimbionti nelle cellule delle piante di questa famiglia.

FitochimicaModifica

I rizomi di Gunnera tinctoria contengono circa il 9,3% di tannini e le foglie di Gunnera manicata contengono un'elevata concentrazione di ellagitannini.

Gunnera perpensa contiene l'alcaloide celastrina. Nelle specie cianogenetiche, non si sono trovati iridoidiproantocianidina, bensì kaempferolo, quercetina, flavonoli e acido ellagico.

Distribuzione e habitatModifica

Le piante della famiglia Gunneraceae sono principalmente presenti nell'emisfero australe. Esigono terreni umidi, ma privi di ristagni idrici. Sono molto apprezzate nei giardini ornamentali soprattutto del nord Europa.

TassonomiaModifica

Nel Sistema APG III (2009), la famiglia è assegnata all'ordine Gunnerales assieme alla famiglia Myrothamnaceae.

Le Gunneraceae comprendono il solo genere Gunnera L., con 63 specie assegnate[3].

NoteModifica

  1. ^ a b c Carl Daniel Friedrich Meisner, Plantarum vascularium genera :secundum ordines naturales digesta eorumque differentiae et affinitates tabulis diagnostacis expositae, Tab. Diagn. 345, 346; Comm. 257. 1842 [13-15 febbraio 1842]
  2. ^ a b c Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III (PDF), in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 161, nº 2, 2009, pp. 105–121, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 6 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2017).
  3. ^ Christenhusz, M. J. M. e Byng, J. W., The number of known plants species in the world and its annual increase (PDF), in Phytotaxa, vol. 261, nº 3, Magnolia Press, 2016, pp. 201–217, DOI:10.11646/phytotaxa.261.3.1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica