Gyo Obata

architetto statunitense
Gyo Obata

Gyo Obata (San Francisco, 28 febbraio 1923) è un architetto statunitense, figlio del pittore Chiura Obata e di sua moglie, Haruko Obata, designer floreale. Nel 1955, ha co-fondato lo studio di architettura globale HOK, ex Hellmuth, Obata + Kassabaum. Vive a St. Louis, dove collabora con lo studio locale dell'HOK.

Fra i più importanti progetti realizzati si ricordano il Planetario McDonnell e il GROW Pavilion presso il Saint Louis Science Center, l'Independence Temple della Comunità di Cristo, il National Air and Space Museum di Washington DC e la Biblioteca e Museo Presidenziale "Abramo Lincoln" a Springfield nell'Illinois.

BiografiaModifica

 
Gyo Obata nel 1980

Dopo aver trascorso l'infanzia a San Francisco con la famiglia, durante la Seconda Guerra Mondiale i genitori rimasero vittime dell'internamento dei giapponesi, mentre Ghyo Obata riuscì di poco a evitarlo facendosi trasferire dalla facoltà di architettura dell'Università della California-Berkeley a quella della Washington University in St. Louis, l'unica disposta ad accettare studenti giapponesi. Qui si laureò nel '45.

Proseguì gli studi con il maestro architetto finlandese Eliel Saarinen alla Cranbrook Academy of Art di Bloomfield Hills, nel Michigan, completando il master in architettura e design urbano nel 1946.

Dopo aver prestato servizio nell'Esercito degli Stati Uniti dal '46 al '47 e aver lavorato come architetto nell'ufficio di Chicago di Skidmore, Owings e Merrill dal 1947 al 1951, nel '51 Obata tornò a St. Louis per diventare membro della ditta di Minoru Yamasaki, il progettista delle torri del World Trade Center. Quattro anni dopo, nel 1955, si unì agli architetti George Hellmuth e George Kassabaum per fondare lo studio di architettura Hellmuth, Obata e Kassabaum, con sede a St. Louis.

In parte grazie all'abilità e alla crescente reputazione di Obata, l'azienda ottenne una notorietà mondiale e lo stesso Obata fu più volte premiato per i suoi progetti. HOK ha oltre 1.800 dipendenti in 23 uffici distribuiti in tutto il mondo.

Nel 2010, Marlene Ann Birkman pubblicò il libro biografico intitolato Gyo Obata: Architect | Clients | Reflections, che presenta 30 progetti (e clienti) di Obata nell'arco di cinque decenni.[1]
La filosofia progettuale di Obata è quella di «fornire spazi che non siano solo funzionali, ma che migliorino anche la qualità della vita di coloro che lavorano e vivono al loro interno».[2] Nel libro afferma:

(EN)

«The language that architects use to define space is daylight. Each project offers new potential for discovery, for understanding the site and program, and an opportunity to do a thoughtfully designed building that will bring meaning and enjoyment to the people who will occupy it»

(IT)

«Il linguaggio che gli architetti usano per definire lo spazio è la luce del giorno. Ogni progetto offre un nuovo potenziale per la scoperta, la comprensione del sito e del programma e un'opportunità per realizzare un edificio progettato con cura che recherà senso e benessere alle persone che vi andranno a stare»

(Gyo Obata, 2010[1])

Premi e riconoscimentiModifica

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Gyo Obata: Architect – Clients – Reflections.
  2. ^ Intervista a Gyo Obata, architetto professionista, su ArchitectureSchools.com, 2 febbraio 2006.
  3. ^ St. Louis Walk of Fame, St. Louis Walk of Fame Inductees, stlouiswalkoffame.org (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96374505 · ISNI (EN0000 0000 8168 5064 · LCCN (ENnr91037287 · ULAN (EN500094476 · WorldCat Identities (ENlccn-nr91037287