Apri il menu principale

HMS Indefatigable (1909)

HMS Indefatigable
HMS Indefatigable (1909).jpg
L'HMS Indefatigable nel 1916
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
TipoIncrociatore da battaglia
ClasseIndefatigable
ProprietàRoyal Navy
OrdineProgramma navale 1908
CantiereHMNB Devonport
Impostazione23 febbraio 1909
Varo28 ottobre 1909
Entrata in servizio1º aprile 1911
Destino finaleAffondata alla Jutland, 31 maggio 1916
Caratteristiche generali
Dislocamento
  • standard: 18 470 t
  • a pieno carico: 22 080 t
Lunghezza179 m
Larghezza24 m
Pescaggio9,1 m
Propulsione32 caldaie Babcock & Wilcok; turbine Parsons; 4 eliche
43.000 CV
Velocità25,8 nodi (48 km/h)
Autonomia6 300  miglia a 10 nodi (12 000 km a 19 km/h)
Equipaggio820-1.200
Armamento
Artiglieria
Siluri3 tubi lanciasiluri da 18" (450 mm) RGF Mark VI Fiume Mark III 1906
Corazzatura50 mm (orizzontale); 152 mm (verticale); 177 mm (torrette); 101 mm (lato delle torrette); 177 mm (barbetta); 254 mm (torre di comando)
Mezzi aerei1 Sopwith 1½ Strutter
Note
Forzata a 26,9 nodi durante le prove a mare
voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Indefatigable fu un incrociatore da battaglia della Royal Navy, prima nave dell'omonima classe. Fu essenzialmente una versione allungata della Invincible, con spazio aggiuntivo a metà nave per permettere alle torrette "P" e "Q" di far fuoco sia a sinistra che a dritta.

Alla sua entrata in servizio entrò a far parte del 1st Cruiser Squadron ("1º Squadrone incrociatori") che, nel gennaio 1913, venne rinominato 1st Battlecruiser Squadron ("1º Squadrone incrociatori da battaglia"). Nel dicembre 1913 venne trasferito nel Mar Mediterraneo dove servì nel 2nd Battlecruiser Squadron ("2º Squadrone incrociatori da battaglia") e nell'agosto 1914 prese parte alla caccia al Goeben e al Breslau. Il 3 novembre partecipò al bombardamento di Capo Helles. Dopo un periodo di manutenzione e miglioramento a Malta, si unì nel 1915 alla Grand Fleet a Scapa Flow.

Come parte del 2nd Battlecruiser Squadron al comando del capitano C. F. Sowerby partecipò alla Battaglia dello Jutland del 31 maggio 1916, dove venne colpito dai proiettili da 280 mm della Von der Tann. Due proiettili colpirono la riserva della torre "X" a poppa, facendo esplodere le cariche di cordite e causando falle nello scafo che obbligarono la nave a rallentare ed uscire di formazione con la poppa parzialmente allagata e completamente avvolta dal fumo. Così menomata fu centrata da altri colpi affondando rapidamente e portando con sé 1.017 uomini di equipaggio sui 1019 imbarcati.

Il relitto della nave è stato localizzato definitivamente solo nel 2001 ad 85 anni dal suo affondamento. Risultano tuttavia testimonianze di un precedente ritrovamento, risalente circa al 1958. Dallo stato del relitto, distrutto al punto da non essere riconoscibile come una nave, si è dedotto che la HMS Indefatigable non affondò solo per le falle a poppa ma che ci fu almeno un'altra grossa esplosione (probabilmente innescata dagli incendi o da altri colpi a bordo) che distrusse lo scafo e che giustifica anche l'alto numero di vittime tra l'equipaggio. Risulta che il relitto sia stato più volte "visitato" da cercatori di souvenirs o di materiali da recuperare, nonostante esso sia ufficialmente classificato come "cimitero di guerra".

BibliografiaModifica

  • Robert Gardiner, ed., Conway's All the World's Fighting Ships 1906 - 1921 (Conway Maritime Press, London, 1985)
  • John Roberts, Battlecruiser (Chatham Publishing, London, 1997), ISBN 1-86176-006-X, ISBN 1-55750-068-1

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina