Habus ibn Maksan

al-Muzaffar Ḥabūs ibn Māksan ibn Zāwī ibn Zīrī ibn Manād al-Ṣanhājī (in arabo: زاوي بن زيري بن مناد الصنهاجي‎; ... – Granada, 1038), fu un sultano ziride della Ta'ifa di Granada in al-Andalus (Spagna islamica) dal 1019 al 1038.

BiografiaModifica

Nel 1019 Zāwī ibn Zīrī, il fondatore della dinastia degli Ziridi di Granada della Ta'ifa di Granada, partì per il Maghreb, secondo Ibn Khaldun perché pentito per gli eccessi e le atrocità commesse dai suoi uomini durante la guerra civile in al-Andalus, temendo che una vendetta divina potesse portare alla rovina del regno che aveva creato. Altre teorie dicono che invece voleva semplicemente conquistare il Maghreb e unire tutti i domini Ziridi sotto il suo controllo. Prima di partire lasciò come governatore suo figlio Buluggīn ibn Zāwī, che divenne presto impopolare e venne sostituito dal cugino Ḥabūs ibn Māksan che era stato fino a quel momento governatore di Jaén e Iznájar.[1]

Riorganizzò l'esercito sul modello del Califfato di Cordova, divise il suo regno in distretti militari dove ogni governatore locale doveva reclutare una quota di soldati proporzionale alla dimensione e alla popolazione del territorio,[2] e iniziò la fortificazione di Granada.[3] Il suo esercito era formato da berberi Ṣanhāja e Zanata, e da schiavi neri ed europei.[4]

Il regno di Ḥabūs fu relativamente lungo e piuttosto tranquillo.

Dopo il periodo di anarchia scoppiato a seguito della caduta del Califfato di Cordova, molti ebrei lasciarono Cordova e la regione circostante per rifugiarsi a Granada. Tra di questi ci fu Samuel ibn Naghrela che divenne il segretario del visir Abū l-Qāsim ibn al-ʿArif. Nel 1027, il visir, in punto di morte, confessò a Ḥabūs che i suoi successi furono dovuti principalmente al suo segretario ebreo. Ḥabūs nel 1030 nominò quindi Samuel ibn Naghrela visir.

Morì nell'estate del 1038 e gli succedette al trono il figlio Bādīs b. Ḥabūs.

NoteModifica

  1. ^ Ibn Khaldun, p. 62.
  2. ^ Sarr Marroco 2009, p. 181
  3. ^ Sarr Marroco 2009, p. 139
  4. ^ Sarr Marroco 2009, pp. 182-183.

BibliografiaModifica

  • Ibn Khaldun, Abd-ar-Rahman ibn Muhàmmad; MacGuckin de Slane, William (traductor). Histoire des Berbères et des dynasties musulmanes de l'Afrique septentrionale, vol. 2. Algeri, Imprimerie du Gouvernement, 1854, 635 p.
  • Sarr Marroco (b), Bilal J.J. La Granada Zirí (1013-1090). Análisis de una Taifa Andalusí. Granada, Università di Granada, 2009. ISBN 9788469227268.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie