Apri il menu principale

Harry Powlett, IV duca di Bolton

BiografiaModifica

Era il figlio di Charles Paulet, II duca di Bolton, e della sua seconda moglie, Frances Ramsden.

CarrieraModifica

Carriera militareModifica

Powlett ha iniziato la sua carriera nella Royal Navy[1]. Ha servito come aiutante di campo del conte di Galway in Portogallo, nel 1710 durante le fasi conclusive della guerra di successione spagnola[1].

Carriera politicaModifica

Powlett fu eletto alle elezioni generali del 1715 come membro del Parlamento per St Ives in Cornovaglia[2]. Ha ricoperto il seggio fino alle elezioni generali del 1722, quando divenne deputato per l'Hampshire[3], carica che mantenne fino al 1754. Alle elezioni generali del 1734 divenne deputato sia per l'Hampshire che per Yarmouth[4].

Ha servito da Gentleman of the Bedchamber a Federico, principe di Galles (1729-1751)[5].

Powlett entrò nel consiglio di amministrazione dell'Ammiragliato nel governo di Whig nel giugno 1733[6] e fu promosso a Lord Naval Senior (1738-1742)[7][6]. Proseguì servendo come luogotenente della Torre di Londra (1742-1754) e fu poi nominato Consigliere privato nel gennaio 1755[1].

Successe al fratello maggiore Charles al ducato nel 1754.

MatrimonioModifica

Sposò Catherine Parry (?-25 aprile 1744), figlia di Francis Parry. Ebbero quattro figli[1]:

MorteModifica

Morì il 9 ottobre 1759 e gli succedette il figlio maggiore, Charles[1]. Le proprietà del Duca di Bolton comprendevano Hackwood Park nell'Hampshire, Bolton Hall nel North Yorkshire, Edington nel Wiltshire e Hooke Court nel Dorset[8].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Powlett, Lord Harry (1691-1759), of Edington, Wiltshire, History of Parliament. URL consultato il 4 agosto 2017.
  2. ^ Stooks Smith, p. 47
  3. ^ Stooks Smith, pp. 121–122
  4. ^ Stooks Smith, p. 520
  5. ^ Harry Paulet, 4th Duke of Bolton, PC, Cracroft's Peerage. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  6. ^ a b Sainty, JC, Lord High Admiral and Commissioners of the Admiralty 1660-1870, Office-Holders in Modern Britain: Volume 4: Admiralty Officials 1660-1870 (1975), pp. 18-31., su british-history.ac.uk. URL consultato il 4 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2014).
  7. ^ Rodger, p. 51-52
  8. ^ The Peerage of England; Containing a Genealogical and Historical ..., Volume 1, p. 236.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN44152076 · LCCN (ENnr91014432 · WorldCat Identities (ENnr91-014432
  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica