Hatrið mun sigra

brano musicale degli Hatari del 2019
Hatrið mun sigra
Hatrið mun sigra.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaHatari
Autore/iKlemens Nikulásson Hannigan, Matthías Tryggvi Haraldsson
GenereSynthpunk
Pubblicazione originale
IncisioneSöngvakeppnin 2019
Data27 gennaio 2019
EtichettaRíkisútvarpið
Durata2:58

Hatrið mun sigra è un brano musicale del gruppo musicale islandese Hatari, realizzato nel 2019.

DescrizioneModifica

Composto dai cantanti Klemens Nikulásson Hannigan e Matthías Tryggvi Haraldsson, il brano è stato presentato per la prima volta al Söngvakeppnin 2019, dove è risultato vincitore.[1] Grazie alla vittoria nella manifestazione, gli Hatari hanno guadagnato il diritto a rappresentare l'Islanda all'Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv, dove si sono classificati decimi[2] ottenendo 232 punti, di cui 186 dal televoto e 46 dalle giurie; sono stati i più votati dal pubblico di Ungheria, Polonia e Finlandia.[3]

All'annuncio del loro punteggio finale, il gruppo ha esposto sciarpe con scritte e colori della bandiera della Palestina.[4]

FormazioneModifica

Gruppo
Produzione

Successo commercialeModifica

Il brano ha raggiunto il 2º posto della classifica islandese dei singoli,[5] nonché la vetta della classifica radiofonica nazionale.[6]

ClassificheModifica

Classifica (2019) Posizione
massima
Islanda[5] 2
Lituania[7] 17

NoteModifica

  1. ^ (EN) Anthony Granger, Iceland: Hatari Are Off To Eurovision 2019, su eurovoix.com, 2 marzo 2019. URL consultato il 19 maggio 2019.
  2. ^ Rosella Pastore, Duncan Laurence vince Eurovision 2019: Classifica/ Mahmood secondo, entusiasmo web, Il Sussidiario, 19 maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Results of the Grand Final of Tel Aviv 2019 - Iceland, su eurovision.tv. URL consultato il 19 maggio 2019.
  4. ^ Eurovision 2019, gli islandesi Hatari tirano fuori la sciarpa palestinese in diretta, Euronews, 19 maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019.
  5. ^ a b (IS) TÓNLISTINN – LÖG - Vika 20, 2019, Plötutíðindi. URL consultato il 20 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2019).
  6. ^ (IS) Vinsældalisti Rásar 2, RÚV. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2019).
  7. ^ (LT) 2019 21-os SAVAITĖS (gegužės 17-23 d.) SINGLŲ TOP100., AGATA. URL consultato il 9 ottobre 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica