Finlandia

Stato dell'Europa settentrionale, membro dell'Unione europea
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Finlandia (disambigua).
Finlandia
Finlandia – Bandiera Finlandia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Nessuno[1]
Finlandia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica di Finlandia
Nome ufficiale Suomen tasavalta
Republiken Finland
Lingue ufficiali finlandese, svedese[2], sami, rom e suomalainen viittomakieli[3]
Capitale Helsinki  (579 016 ab. / 2009)
Politica
Forma di governo Repubblica parlamentare[4]
Presidente della Repubblica Sauli Niinistö
Primo ministro Juha Sipilä[5]
Indipendenza 4 gennaio 1918
dall'Impero russo
Proclamazione 6 dicembre 1917
Ingresso nell'ONU 14 dicembre 1955
Ingresso nell'UE 1º gennaio 1995
Superficie
Totale 338 424,38 km² (63º)
 % delle acque 10,2%
Popolazione
Totale 5 489 322 ab. (21/10/2015) (113º)
Densità 18 ab./km²
Tasso di crescita 0.05% (2014 stima)[6]
Nome degli abitanti Finlandesi
Geografia
Continente Europa
Confini Norvegia, Svezia, Russia
Fuso orario UTC+2
UTC+3 (ora legale)
Economia
Valuta Euro
PIL (nominale) 247 646[7] milioni di $ (2012) (44º)
PIL pro capite (nominale) 45 635 $ (2012) (16º)
PIL (PPA) 194 117 milioni di $ (2012) (55º)
PIL pro capite (PPA) 35 771 $ (2012) (23º)
ISU (2011) 0,882 (molto alto) (16º)
Fecondità 1,9 (2010)[8]
Varie
Codici ISO 3166 FI, FIN, 246
TLD .fi, .eu, .ax
Prefisso tel. +358
Sigla autom. FIN
Inno nazionale Maamme
Festa nazionale 6 dicembre
Finlandia - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Finlandia Regno di Finlandia
 

Coordinate: 64°N 26°E / 64°N 26°E64; 26

La Finlandia (in finlandese: Suomi[?·info], in svedese: Finland[?·info]), ufficialmente Repubblica di Finlandia (in finlandese: Suomen tasavalta e in svedese: Republiken Finland)[9], è un paese dell'Europa del nord, facente parte della regione nota come Fennoscandia e della penisola scandinava. Confina con la Svezia a ovest, la Norvegia a nord e la Russia ad est. Si affaccia a sud sul golfo di Finlandia, sulla cui sponda meridionale si trova l'Estonia.

In Finlandia vivono 5,4 milioni di persone, per la maggior parte concentrate nelle regioni meridionali. In termini di superficie, è l'ottavo paese più grande d'Europa e il paese con più bassa densità di popolazione nell'Unione europea. Politicamente, è una repubblica parlamentare con un governo centrale con sede nella capitale di Helsinki, i governi locali in 336 comuni e una regione autonoma, le isole Åland. Circa un milione di abitanti vivono nella zona della conurbazione di Helsinki (composta da Helsinki, Espoo, Kauniainen e Vantaa) e un terzo del prodotto interno lordo del paese è prodotto lì. Altre grandi città sono Tampere, Turku, Oulu, Jyväskylä, Lahti e Kuopio.

La Finlandia fece parte del Regno di Svezia dal XII secolo al 1809, quando divenne un granducato autonomo all'interno dell'Impero Russo fino alla rivoluzione del 1917. Il 6 dicembre di quell'anno la Finlandia ottenne l'indipendenza, seguita da una guerra civile terminata con la sconfitta dei "Rossi" filo-bolscevichi da parte dei filo-conservatori "Bianchi" sostenuti dall'Impero tedesco. Dopo un breve tentativo di stabilire una monarchia nel Paese, la Finlandia divenne una repubblica.

L'esperienza finlandese della Seconda guerra mondiale ha coinvolto tre conflitti separati: la Guerra d'inverno (1939-1940) e la Guerra di continuazione (1941-1944) contro l'Unione Sovietica, e la Guerra di Lapponia (1944-1945) contro la Germania nazista. Dopo la fine della guerra, la Finlandia ha aderito all'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) nel 1955, all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nel 1969, all'Unione europea nel 1995 e alla zona Euro fin dal suo inizio nel 1999. Durante questo tempo, ha costruito uno stato sociale vasto in stile nordico.

La Finlandia era in ritardo rispetto all'industrializzazione, rimanendo un paese in gran parte agricolo fino al luglio del 1949. Successivamente, lo sviluppo economico è stato rapido, tale che con un reddito pro-capite nominale di oltre 49 000 dollari statunitensi, la Finlandia è una delle nazioni più ricche del mondo. Secondo alcune misure, la Finlandia ha il miglior sistema educativo in Europa ed è stata classificata come uno dei paesi più pacifici ed economicamente competitivi del mondo. È stata anche classificata come uno dei paesi al mondo con la più alta qualità della vita. Secondo la rivista Newsweek la Finlandia è "il miglior paese del mondo".[10]

Indice

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Finlandia.
 
Mappa della Finlandia nel ventennio 1920-1940

La Finlandia fu abitata da gruppi di Lapponi e successivamente invasa da Finni (da cui il nome). I Finni, un'etnia appartenente ai popoli ugrofinnici occuparono la Carelia tra il 100 ed il 900 d.C., ad ondate migratorie successive, relegando i Lapponi a settentrione del Circolo Polare Artico.

Il 1154 segna l'inizio del dominio svedese, codificato nel 1157 da parte del re svedese Erik IX il Santo con l'introduzione del Cristianesimo, a seguito di una crociata, e durato quasi 7 secoli. Lo svedese divenne la lingua dominante, benché il finlandese sia riuscito a riprendere il dominio durante il XIX secolo con le spinte nazionaliste finlandesi che sono seguite al racconto nazional-epico finlandese, il Kalevala. Nel 1284 divenne un granducato svedese. Nel 1323 Svezia e Repubblica di Novgorod siglarono a Šlissel'burg il Trattato di Nöteborg in cui si aveva la spartizione dei territori contesi, con la Svezia che acquisiva la Finlandia e la Carelia occidentale e Novgorod che otteneva l'Ingria e la Carelia orientale. Mosca assorbì lo Stato di Novgorod nel 1478 e ne approffittò la Svezia per impadronirsi dell'Ingria (1580). Nel 1557 il re svedese Gustavo I Vasa introdusse anche in Finlandia la Riforma protestante.

Tra il 1701 ed il 1721 la finlandia venne direttamente coinvolta nella guerra di supremazia tra Svezia e Russia, che vide inizialmente vittorioso il re svedese Carlo XII nella cosiddetta "Grande Guerra del Nord", salvo poi esser logorato e definitivamente sconfitto dallo zar Pietro I "Il Grande" a Poltava (1709). In questo periodo le incursioni russe devastarono ripetutamente il territorio finnico con saccheggi e spoliazioni fino a quando, nel 1714 l'intera Finlandia venne occupata. I finlandesi tuttora chiamano questo periodo "Isoviha", ovvero "Grande Rabbia". Col Trattato di Nystad, siglato nel 1721 nella città finnica di Uusikaupunki, la Svezia cedeva alla Russia tutti i territori della Carelia Orientale e dell'Ingria, con un confine pressappoco coincidente con quello attuale, del 1946. Il tentativo fallito della Svezia di riappropriarsi dei territori perduti nel 1721 portò alla Guerra russo-svedese del 1741 - 1743, con una nuova sconfitta del regno scandinavo. La successiva pace (pace di Åbo) fece guadagnare alla Russia l'intero Istmo di Carelia e buona parte delle regioni finniche meridionali. Il ramo occidentale Ahvenkoski del fiume Kymijoki fungeva da confine tra la Svezia e la Russia dal 1743 al 1809.

Nel 1809, con la compiacenza di Napoleone, con la Pace di Hamina, che pose fine alla Guerra di Finlandia (1808 - 1809), la Finlandia venne conquistata dalle armate dello Zar Alessandro I, e rimase un granducato autonomo collegato all'Impero russo fino al 1917. Gli zar fino al 1898 governarono il paese come in una monarchia costituzionale, avendo i finlandesi libertà di culto, un proprio parlamento, un proprio esercito, una propria moneta, giornali editi nella propria lingua che era pienamente riconosciuta ed avendo persino propri francobolli ancor prima dei russi (i primi francobolli finlandesi datano 1856 mentre i primi francobolli russi sono del 1858). Con l'ultimo zar, Nicola II, si assistette ad una russificazione forzata della Finlandia, con l'abolizione e la soppressione delle libertà costituzionali di cui i finnici avevano fino ad allora goduto. Ne seguì un movimento di resistenza culminato nella rivolta militare del 1906 ("Rivolta di Sveaborg"), scoppiata nella fortezza marina di Sveaborg al largo di Helsinki. Quelli che tuttora dai finlandesi sono chiamati "Gli anni della Grande Oppressione" (1901 - 1916) terminarono il 26 novembre 1917 quando il generale in capo tedesco Erich Ludendorf ricevette emissari finlandesi ed accolse la loro richiesta di inviare un corpo di spedizione in Finlandia in appoggio alla prevista richiesta di indipendenza finnica.

Il 6 dicembre 1917, poco dopo la rivoluzione d'Ottobre in Russia, la Finlandia dichiarò la propria indipendenza. La Russia, in piena rivoluzione, riconobbe l'indipendenza della Finlandia il 31 dicembre 1917 obtorto collo. Dopo un breve tentativo di stabilire una monarchia, nel 1918 il Paese fece l'esperienza di una breve ma sanguinosa guerra civile fra 'rossi' e 'bianchi', i primi sostenuti dai sovietici i secondi dai tedeschi, guerra vinta dai 'bianchi', questo avrebbe caratterizzato la politica locale per molti anni. Il 1919 vide la nascita della repubblica finlandese.

In rosso le cessioni territoriali finlandesi all'Unione Sovietica a seguito del Trattato di Mosca (1940), alla fine della Guerra d'inverno (a sinistra) e a seguito dell'Armistizio di Mosca (1944), alla fine della Guerra di continuazione (a destra). Ai territori persi nel 1940, nel 1944 si aggiunsero la regione di Petsamo e Porkkala, quest'ultima però venne riottenuta dalla Finlandia nel 1956

Durante la seconda guerra mondiale, la Finlandia venne attaccata dai sovietici, che non riuscirono a invaderla, al contrario delle vicine Estonia, Lettonia e Lituania, ma combatté strenuamente contro l'Unione Sovietica due volte: durante la Guerra d'inverno (1939-1940) e poi dal 1941 al 1944 nella cosiddetta Guerra di continuazione. A questa seguì la Guerra di Lapponia (1944-1945) nella quale la Finlandia combatté anche contro la Germania nazionalsocialista. I Trattati di Parigi (1947) firmati con l'Unione Sovietica comportarono tuttavia ulteriori obbligazioni e restrizioni per la Finlandia nei confronti dell'URSS oltre a concessioni territoriali a quest'ultima di ulteriori territori finlandesi (tra cui lo sbocco al Mare di Barents e parte della Carelia). Comunque, diversamente dalle Repubbliche Baltiche, la Finlandia riuscì a conservare la propria indipendenza, pur con diverse difficoltà e ingerenze russe nella politica.

La Finlandia divenne membro dell'Unione europea nel 1995 ed è l'unico Paese nordico ad aver adottato l'euro come moneta, in sostituzione del marco finlandese. La moneta dell'Unione ha protetto il Paese durante la recente crisi finanziaria che ha invece colpito più duramente le altre valute scandinave. Dal 2011 la zecca finlandese conia anche gli euro della vicina Estonia (dalla quale Helsinki dista solo 80 km).

GeografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Finlandia.

MorfologiaModifica

Facente parte della regione biogeografica boreale, il territorio della Finlandia, collocato nella parte orientale della regione geografica chiamata Fennoscandia, è compreso fra i 60° e i 70° di latitudine; oltre un terzo del territorio è a nord del Circolo Polare Artico e ciò fa del paese uno degli stati più settentrionali al mondo. Esso si presenta come un vasto altopiano uniforme, interessato soltanto nelle regioni settentrionali dalla catena dei Monti Scandinavi, tanto che il suo punto più alto (1.324 metri) è l'Halti, una montagna situata all'estremo nord-ovest, sul confine con la Norvegia. La morfologia del territorio è conseguenza di intensi movimenti glaciali, che contribuirono in maniera determinante ad appianare e a smussare le asperità dei rilievi mediante l'apporto di detriti morenici.

A nord del fiume Oulujoki il territorio cambia di aspetto: dirigendosi verso nord si incontrano dapprima numerosi rilievi collinari fino a giungere, nella parte nord-occidentale del paese al versante orientale dei già citati Monti Scandinavi, nella parte nord-orientale del paese si estende la Lapponia, la terra della tundra, abitata, oltre che dai finlandesi, da una minoranza Sami, la cui principale attività è l'allevamento di renne.

La costa del paese, pur essendo generalmente bassa, è frastagliata, la fronteggiano numerosissime isole.

È bagnata a sud dal Golfo di Finlandia e a ovest dal Golfo di Botnia.

Le foreste, l'86%[11] del territorio, costituiscono la maggiore risorsa del paese, che è un importante esportatore di legno e pasta di legno utilizzata per produrre carta.

IdrografiaModifica

La Finlandia è costellata da oltre 50 000 laghi di origine glaciale. I più grandi si trovano nella parte meridionale, quali il Saimaa, il Paijanne, il Vesijarvi, il Kavallesi. A nord il più grande è l'Inari. Per quanto concerne i fiumi , invece, questi, hanno un corso breve ed i più importanti scorrono nella parte settentrionale del golfo di Botnia e sono il Torne, che fa da confine con la Svezia, l'Oulu e il Kemi. Vasti bracci di mare, laghi e corsi d'acqua restano ghiacciati fino a 8 mesi l'anno.

GhiacciaiModifica

Il territorio finlandese deve molte delle sue caratteristiche alla presenza di ghiacciai nell'epoca delle glaciazioni, che qui furono più spessi e permasero più a lungo che altrove. Essi hanno infatti livellato il territorio e la massima elevazione è il Ridnitsohkka, di soli 1.316 m. Come in tutta la Fennoscandia, a seguito della rimozione dell'enorme peso costituito dalla coltre glaciale, è inoltre in atto un fenomeno di "rimbalzo post-glaciazione" che causa una continua per quanto quasi impercettibile elevazione dell'intero territorio, di circa 1 cm l'anno.[12]

LaghiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Laghi finlandesi.

All'epoca delle glaciazioni risale la formazione dei 187.888 laghi, considerando solo quelli di dimensioni importanti.[13] Spesso collegati fra di loro e con numerose isole, questi laghi occupano circa un decimo del territorio finlandese e costituiscono l'immagine simbolo del paese. Essi non sono molto profondi ma hanno un contorno generalmente allungato, e si trovano in maggiore quantità nella cosiddetta regione dei laghi, nella parte sudorientale del paese, delimitata a meridione da una doppia cresta morenica alta 200 metri, il Salpausselkä.

Tra i grandi, piccoli e piccolissimi laghi che occupano la pianura centrale e meridionale, i più grandi sono:

Nella parte sud-orientale del paese vi sono numerosissimi laghi (decine di migliaia, spesso comunicanti fra loro). Altri sono anche:

FiumiModifica

Hanno un percorso breve e le loro acque sono utilizzate per la produzione di energia elettrica. Il fiume più lungo del paese è il Kemijoki che sfocia nel Golfo di Botnia nei pressi della città di Kemi. I fiumi principali sono: Kemijoki (sfocia nel Golfo di Botnia), Kymi (sfocia nel Golfo di Finlandia), Tornio e Muonio.

CosteModifica

La fascia costiera, che si sviluppa per circa 1100 km lungo il mar Baltico, non presenta ovunque le stesse caratteristiche. Il suo profilo, infatti, è molto frastagliato nei pressi delle Isole Åland, a Sud, mentre lo è di meno nel Golfo di Finlandia e nel Golfo di Botnia a occidente. Il litorale è difficilmente accessibile durante il periodo invernale, infatti gran parte delle acque ghiacciano a causa delle rigide temperature.

IsoleModifica

Le isole della Finlandia sono tantissime e impossibili da contare e visualizzare sulla cartina. L'arcipelago più importante è quello delle Isole Åland.

ClimaModifica

Il clima della Finlandia appartiene alla fascia climatica temperata fredda, data la latitudine. Esso ha un forte carattere di "transizione" tra i climi continentali delle vaste plaghe russo-siberiane e i climi oceanici delle regioni atlantiche a ovest: questo soprattutto durante l'inverno, quando la direzione di provenienza del vento influenza enormemente la temperatura.

Il regime pluviometrico, come in tutte le terre boreali poste a elevata latitudine (e con clima non "oceanico"), è caratterizzato da un picco massimo nella tarda estate (a inizio agosto in Lapponia, a settembre nella zona meridionale) e da un inverno tendente al secco tanto più si va a nord. La quantità di pioggia annua è relativamente scarsa, soprattutto in Lapponia (dove si scende anche al di sotto dei 400 millimetri, specie nella zona di Ivalo).

Le temperature medie del mese più caldo (luglio) sono comprese tra i 12-14 °C delle colline della Lapponia (ma si scende anche al di sotto dei 10 °C nelle zone più elevate) e i circa 18 °C della fascia meridionale.

Le temperature medie del mese più freddo (gennaio) variano tra i -5 °C della fascia costiera sudoccidentale e i -14 °C delle zone più fredde della Lapponia (in particolare nei dintorni di Ivalo e nelle valli collinari vicino al confine svedese). I valori minimi annuali scendono frequentemente al di sotto dei -30°, e in Lapponia le prime gelate autunnali si fanno sentire già tra settembre e ottobre.

In certe annate la Finlandia conosce escursioni termiche molto elevate nel medio periodo. Ad esempio nell'inverno 2006/07, quando tra dicembre e gennaio a causa del dominio delle correnti oceaniche le temperature furono simili a quelle della Pianura Padana e a febbraio un'ondata di gelo fece scendere il termometro anche sotto i -35°. Oppure nel caldo giugno del 2006, quando un'alta pressione atlantica "fuori rotta" fece salire il termometro a 35° sulle regioni meridionali e a 30° in Lapponia per diversi giorni (grazie anche al lungo giorno boreale del solstizio d'estate). Inoltre i valori di "temperatura media" tendono ad avere significato solo se considerati nel lungo periodo, dato che possono variare di parecchio da anno ad anno.

PopolazioneModifica

Popolazione della Finlandia dal 1750 al 2000[14]
Anno Popolazione Anno Popolazione
1750 421.000 1880 2.060.800
1760 491.000 1890 2.380.100
1770 561.000 1900 2.655.900
1780 663.000 1910 2.943.400
1790 705.600 1920 3.147.600
1800 832.700 1930 3.462.700
1810 863.300 1940 3.695.617
1820 1.177.500 1950 4.029.803
1830 1.372.100 1960 4.446.222
1840 1.445.600 1970 4.598.336
1850 1.636.900 1980 4.787.778
1860 1.746.700 1990 4.998.478
1870 1.768.800 2000 5.181.000

La Finlandia ha circa 5.696.666 abitanti, con una densità di circa 16 abitanti per km². Questo fa di essa uno degli Stati europei più scarsamente popolati. La popolazione si è sempre concentrata nel sud del paese, fenomeno che si accentuò nel corso dell'urbanizzazione durante il XX secolo.

La Finlandia detiene anche una delle più basse percentuali di immigrati: solo il 2,5% della popolazione[15][16]. Gli immigrati sono prevalentemente di origine europea, con maggioranze russe, estoni e svedesi[15]. Lo ius soli non è del tutto valido: se un bambino è nato in territorio finlandese e non ottiene la cittadinanza altrove, allora riceve la cittadinanza finlandese[17].

La Finlandia possiede la più alta percentuale di suicidi con arma da fuoco in Europa e la seconda più alta nel mondo dopo gli Stati Uniti, mentre la percentuale generale di suicidi è in linea con quella estone e belga, che equivale a circa il triplo di quella italiana.[18]

EtnieModifica

La grande maggioranza della popolazione finlandese (il 90,95% al 2008) appartiene al gruppo etnico e linguistico finlandese, di ceppo ugro-finnico, come la vicina Estonia.

La minoranza più significativa è quella di lingua svedese (5,44%), seguita da quelle russa (0,5%) ed estone (0,42%)[19]. Nel nord del Paese vive la comunità sami, composta da circa 6000 persone.

Gli ebrei in Finlandia hanno una presenza organizzata dal XIX secolo ai giorni nostri. La comunità ha conosciuto specialmente a partire dal 1918 condizioni favorevoli di integrazione, non essendo stata colpita direttamente dalle distruzioni dell'Olocausto, e vivendo all'interno di uno Stato democratico che ne ha sempre garantito i diritti di cittadinanza. Un tempo forte di oltre 2000 unità, essa conta nel ventunesimo secolo circa 1500 persone.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia degli ebrei in Finlandia.

ReligioneModifica

Secondo i dati dell'Istituto finlandese di statistica le religioni professate dalla popolazione finlandese sono[16]:

LingueModifica

Popolazione della Finlandia (esclusa Åland) per lingua, 1990-2015:[20]

Popolazione della Finlandia per lingua madre 1990–2015
Lingua
madre
1990 1995 2000 2005 2015
Numero  % Numero  % Numero  % Numero  % Numero  %
Finlandese 4.675.223 93,5% 4.754.787 92,9% 4.788.497 92,4% 4.819.819 91,7% 4.865.628 89%
Svedese 296.738 5,9% 294.664 5,8% 291.657 5,6% 289.675 5,5% 290.161 5,3%
Russo 3.884 0,1% 15.872 0,3% 28.205 0,5% 39.653 0,8% 72.436 1,3%
Estone 1.394 0% 8.710 0,2% 10.176 0,2% 15.336 0,3% 48.087 0,8%
Somalo 0 0% 4.057 0,1% 6.454 0,1% 8.593 0,2% 17.871 0,3%
Inglese 3.569 0,1% 5.324 0,1% 6.919 0,1% 8.928 0,2% 17.784 0,3%
Arabo 1.138 0% 2.901 0,1% 4.892 0,1% 7.117 0,1% 14.825 0,3%
Curdo 179 0% 1.381 0% 3.115 0,1% 5.123 0,1% 10.731 0,2%
Cinese 790 0% 2.190 0% 2.907 0,1% 4.613 0,1% 10.110 0,2%
Albanese 0 0% 2.019 0% 3.293 0,1% 5.076 0,1% 8.754 0,2%
Persiano 291 0% 803 0% 1.205 0% 3.165 0,1% 8.103 0,1%
Thai 244 0% 813 0% 1.458 0% 3.033 0,1% 8.038 0,1%
Vietnamita 1.643 0% 2.785 0% 3.588 0,1% 4.202 0,1% 7.532 0,1%
Turco 848 0% 1.809 0% 2.435 0% 3.595 0,1% 6.766 0,1%
Spagnolo 894 0% 1.394 0% 1.946 0% 2.937 0,1% 6.583 0,1%
Tedesco 2.427 0% 2.719 0,1% 3.298 0,1% 4.114 0,1% 6.059 0,1%
Polacco 901 0% 1.129 0% 1.157 0% 1.445 0% 4.459 0,1%
Francese 670 0% 1.062 0% 1.585 0% 2.071 0% 3.736 0,1%
Romeno
Moldavo
94 0% 368 0% 617 0% 909 0% 2.878 0,1%
Ungherese 573 0% 732 0% 1.089 0% 1.206 0% 2.671 0%
Tagalog 118 0% 375 0% 568 0% 764 0% 2.618 0%
Bengalese 93 0% 373 0% 524 0% 920 0% 2.603 0%
Ucraino 11 0% 113 0% 337 0% 611 0% 2.436 0%
Italiano 403 0% 574 0% 833 0% 1.177 0% 2.291 0%
Portoghese 171 0% 297 0% 433 0% 865 0% 2.250 0%
Urdu 79 0% 179 0% 309 0% 594 0% 2.186 0%
Bulgaro 230 0% 400 0% 486 0% 629 0% 2.114 0%
Bosniaco 0 0% 0 0% 0 0% 1.186 0% 2.071 0%
Sami 1.734 0% 1.726 0% 1.734 0% 1.752 0% 1.949 0%
Hindi 147 0% 239 0% 428 0% 779 0% 1.740 0%
Olandese 277 0% 408 0% 650 0% 960 0% 1.446 0%
Lettone 20 0% 76 0% 169 0% 391 0% 1.318 0%
Giapponese 274 0% 386 0% 561 0% 798 0% 1.224 0%
Lituano 30 0% 94 0% 166 0% 375 0% 1.095 0%
Norvegese 402 0% 436 0% 471 0% 540 0% 648 0%
Danese 290 0% 305 0% 397 0% 456 0% 526 0%
Ebraica 165 0% 232 0% 263 0% 348 0% 441 0%
Altra 2.534 0,1% 5.084 0,1% 8.293 0,2% 11.825 0,2% 32.431 0,6%

Secondo la costituzione finlandese le lingue nazionali sono il finlandese e lo svedese. Il 90,37% della popolazione è di madrelingua finlandese e il 5,42% di lingua svedese[16]. I madrelingua svedese sono concentrati nella costa meridionale della nazione, nella regione dell'Ostrobotnia e nell'arcipelago delle Åland. In Finlandia sono anche parlate tre lingue sami: il sami di Inari, il sami settentrionale e il sami skolt (per un numero complessivo di 1750 locutori di lingue sami). Come conseguenza dell'immigrazione degli ultimi decenni, in Finlandia vengono parlate 23 lingue da almeno 1000 locutori.

La seguente tabella riassume le prime 20 lingue parlate in Finlandia (statistiche al 31 dicembre 2005) compresa la lingua dei segni finlandese (statistica al 19 dicembre 2006)[21]:

Ordinamento dello statoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Parlamento finlandese.

La Finlandia è una Repubblica parlamentare[4]. Il potere esecutivo è principalmente affidato al governo, capeggiato dal ministro capo. Gli affari relativi alla sicurezza nazionale sono divisi tra il presidente e il ministro capo. Il governo condivide la responsabilità degli affari esteri con il presidente.

SuddivisioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Finlandia.
 
Suddivisioni amministrative della Finlandia al 2008. In confini rossi corrispondono alle regioni, quelli neri ai comuni

La Finlandia è divisa in

  • 19 regioni (in finlandese maakunta, in svedese landskap).
  • le regioni sono divise in 77 distretti (in finlandese seutukunta, in svedese ekonomisk region)
  • i distretti sono suddivisi in 415 comuni (in finlandese kunta, in svedese kommun).

Prima della riforma del 1997, le province (lääni, pl. läänit in finlandese, län in svedese) erano 12, poi diventate sei, di cui una a statuto autonomo. Le province sono state abolite nel 2009:

  1. Finlandia meridionale
  2. Finlandia occidentale
  3. Finlandia orientale
  4. Oulu
  5. Lapponia
  6. Åland (provincia a statuto autonomo)

A livello culturale sono presenti inoltre le province storiche della Finlandia (in finlandese maakunnat o provinssit – singolare maakunta o provinssi, in svedese landskap).

Città principaliModifica

Città Abitanti
(2010)[22]
Helsinki 600.001
Espoo 247.970
Tampere 213.217
Vantaa 200.060
Turku 177.326
Oulu 141.671
Jyväskylä 130.861
Lahti 101.588
Kuopio 96.793
Kouvola 88.072
Pori 76.403
Joensuu 73.305
Lappeenranta 71.982
Hämeenlinna 66.829
Rovaniemi 60.090
Vaasa 59.587
Seinäjoki 57.811
Salo 55.235
Kotka 54.824
Mikkeli 48.768

IstituzioniModifica

Ordinamento scolasticoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Istruzione in Finlandia.

La Finlandia ha un tasso di alfabetizzazione del 100% ed è uno dei paesi al mondo con il più alto tasso di acquisto di libri e quotidiani pro capite.

Nel 1998 la spesa per l'istruzione ammontava al 6,2 % del PIL contro una media del 5,3% degli altri paesi dell'OCSE.

La scuola dell'obbligo inizia all'età di sette anni e prevede 9 anni di frequenza divisi in un primo ciclo di sei anni, nei quali gli alunni hanno un solo insegnante e un secondo ciclo di tre anni nei quali hanno un insegnante per materia. La scuola è gratuita, gratuiti sono anche i libri di testo, i materiali necessari per l'attività didattica, il pasto e il trasporto per distanze superiori ai 5 km. La competenza del servizio scolastico spetta ai comuni. Tra le materie obbligatorie vi sono le due lingue ufficiali e un'altra lingua straniera. In tutto le materie della scuola dell'obbligo sono:

  • lingua madre e letteratura (finlandese o svedese)
  • altra lingua nazionale (finlandese o svedese)
  • lingue straniere
  • educazione ambientale
  • educazione civica
  • religione o etica
  • storia
  • studi sociali
  • matematica
  • fisica
  • chimica
  • biologia
  • geografia
  • educazione fisica
  • musica
  • arti figurative
  • artigianato/attività manuali
  • economia domestica

Finita la scuola dell'obbligo si pone la scelta fra una scuola superiore generalista chiamata anche scuola secondaria superiore, organizzata in modo molto individuale nella quale si frequentano alcuni corsi obbligatori e corsi a scelta dello studente e la formazione professionale nella quale alle lezioni di teoria si affiancano periodi di apprendistato o affiancamento. I corsi obbligatori delle scuole secondarie superiori sono:

  • finlandese
  • letteratura
  • svedese
  • lingue straniere
  • matematica
  • scienze naturali
  • scienze umane e sociali
  • religione
  • educazione fisica e della salute
  • arte

Mentre le materie delle scuole secondarie professionali sono:

  • finlandese e svedese
  • le lingue straniere
  • matematica
  • fisica
  • chimica
  • studi sociali
  • attività pratiche
  • educazione fisica e della salute
  • arti e cultura

La formazione superiore è divisa fra università e politecnici. Esistono 20 università in tutta la Finlandia; sono gestite e finanziate dallo Stato, e quindi gratuite, e l'accesso avviene tramite esame di selezione. I politecnici sono invece gestiti dai comuni o da enti privati e si caratterizzano per un tipo di formazione più orientata ai fabbisogni del mondo del lavoro e meno alla ricerca.

UniversitàModifica

Tra le più rinomate università finlandesi spicca l' Università di Helsinki, la più antica della Finlandia. Originariamente sorse nel 1640 a Abo (o Turku), come Accademia Reale, l' Accademia reale di Turku, fondata dalla regina Cristina di Svezia: in seguito, nel 1829, in seguito al Grande incendio di Turku del 1827, venne trasferita a Helsinki, dove divenne la sede effettiva.

Sistema sanitarioModifica

Fin dalla seconda metà degli anni 80 la Finlandia possiede un alto standard sanitario in tutto il territorio del paese. La nazione si è portata al passo coi tempi e coi suoi vicini scandinavi (Svezia, Danimarca e Norvegia). È tra i sistemi sanitari più efficienti del mondo. Sin da allora ha fatto notevoli progressi, per esempio nell'area pediatrica, dove ha il primato come paese con minore mortalità infantile al mondo. Le farmacie finlandesi, chiamate in suomi Apteekki, sono reperibili facilmente dovunque e sono molto ben fornite, inoltre alcune nelle città più grandi (come Helsinki, Turku, Tampere, Oulu e altre) prestano servizio 24 ore su 24. Dal 1938 viene fornito, gratuitamente, ad ogni donna gravida un pacco maternità.[23]

Forze armateModifica

Le forze militari finlandesi sono suddivise in esercito, marina, aviazione e guardia di frontiera. Quest'ultima dipende dal Ministero degli interni, ma può essere fatta confluire nell'esercito in caso di conflitto. Il sistema si basa sulla coscrizione obbligatoria (leva) ed interessa i finlandesi dal 18º anno di età. Fatto il servizio di leva, rientrano nella riserva fino all'età massima di 60 anni e ogni 5 anni devono annoverare un minimo di 100 giorni di richiamo in servizio addestrativo/operativo.

Le forze armate hanno un personale complessivo di circa 16.900 persone, tra cui 8.600 soldati professionisti; il numero di soldati pronti a un'eventuale mobilitazione è 35.000, mentre il numero complessivo di riservisti ammonta a circa 350.000 (2011). Una profonda ristrutturazione in chiave di riduzione dei costi prevede lo scioglimento di numerosi Enti e l'eventuale mobilitazione di 250.000 uomini (progetto entro 2014). La riduzione di personale vedrà l'attuarsi di un sistema in questi anni molto in voga nei Paesi europei: il reintegro presso altre Amministrazioni Pubbliche, mediante corsi di preparazione e prevedendo strumenti che incentivino l'esodo.

Sebbene non membro dell'Alleanza Atlantica, la Finlandia ha aderito al programma della NATO "Partnership for Peace", mettendo a disposizione le proprie forze militari per le missioni di pace. La Finlandia ha schierato 70 soldati in Afghanistan che collaborano con gli altri Paesi della coalizione internazionale. In caso di missione all'estero i soldati si raffermano fino ad un massimo di 15 mesi. Dal 1995, solo su base volontaria, anche le donne possono vestire l'uniforme.

La ferma è obbligatoria, di durata variabile, 180, 270 o 362 giorni, a scelta del prescritto. È possibile in alternativa effettuare il servizio civile, organizzato dal Ministero del lavoro, e la cui durata è al 2007 fissata a 395 giorni, circa 13 mesi. La discrepanza tra la durata del servizio civile e la durata minima della ferma di leva (circa la metà), ha suscitato critiche a livello politico sia nazionale che internazionale[24].

PoliticaModifica

 
Sede dell'Eduskunta, il parlamento finlandese
 Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Finlandia.

La politica della Finlandia è inquadrata in una struttura basata su una repubblica democratica di tipo parlamentare, con un sistema multipartitico. Il potere esecutivo è principalmente affidato al governo, capeggiato dal ministro capo. Gli affari relativi alla sicurezza nazionale sono divisi tra il presidente e il ministro capo. Il governo condivide la responsabilità degli affari esteri con il presidente. Prima della revisione della Costituzione, completata nel 2000, il presidente deteneva un reale potere esecutivo e il paese era quindi caratterizzato da un sistema di governo semipresidenziale[4].

EconomiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Finlandia.

La Finlandia, per livello di sviluppo economico, è simile agli altri paesi dell'Europa Occidentale. La sua economia è altamente industrializzata ed è orientata ai principi del libero mercato. Il reddito pro capite è circa uguale a quello di Paesi come la Germania, il Belgio o il Regno Unito. Il livello di vita dei finlandesi è alto, ma rimane importante il problema della disoccupazione, più elevata che negli altri Stati scandinavi.

Con l'ingresso della Finlandia nell'UE, avvenuto il 1º gennaio 1995, ha adottato l'euro.

Un ruolo chiave è svolto dall'industria. I settori più sviluppati sono quelli del legno, della metallurgia, della cantieristica e della progettazione, oltre all'industria elettronica e delle telecomunicazioni (è finlandese la multinazionale Nokia). È in crescita anche il settore del turismo.

Per quanto riguarda l'agricoltura si producono soprattutto grano e altri cereali (avena, orzo e segale) e, nelle regioni più a nord, orzo e patate. Si allevano bovini e suini ed è importante anche l'allevamento di animali da pelliccia. In Lapponia riveste una notevole importanza l'allevamento della renna. La pesca rappresenta una delle principali risorse alimentari ed economiche per le popolazioni locali: è effettuata nel mar Baltico (aringhe e merluzzi), nei fiumi (salmoni e trote) e nei laghi.

TrasportiModifica

La rete stradale è sviluppata; meno articolate le autostrade e le ferrovie, queste ultime gestite dalle VR. Importanti per la navigazione sono le acque interne, usate anche per la fluitazione del legname, per questo motivo sono presenti numerosi porti. La compagnia di bandiera per il trasporto aereo è la Finnair, che offre molti voli intercontinentali da e per Helsinki. I treni finlandesi più diffusi, i Pendolini, sono di produzione italiana.

CommercioModifica

EsportazioniModifica

Il commercio con l'estero è molto sviluppato (soprattutto con l'industria del legno) e le esportazioni rappresentano circa un quarto del PIL.

ImportazioniModifica

A parte pochi minerali, la Finlandia dipende largamente dalle importazioni per il suo fabbisogno di materie prime, energia e diversi componenti industriali.

AmbienteModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Flora della Finlandia.

La superficie complessiva delle aree protette appartenenti allo Stato è pari a 14.961 km², altri 1.220 km² sono terreni privati. Le aree protette comprendono i parchi nazionali, le riserve naturali e altre aree. La gestione del patrimonio di aree protette è affidata all'Ente finlandese parchi e foreste (Metsähallitus), due dei 35 parchi nazionali sono gestiti dall'Istituto finlandese per la ricerca forestale.

Le aree protette sono:

  • Parchi nazionali della Finlandia (Kansallispuisto) - 8,170 km²
  • Riserve nazionali della Finlandia (Luonnonpuisto) - 1,530 km²
  • Aree paludose protette (Soidensuojelualue) - 4,490 km²
  • Aree forestali e prative protette (Lehtojensuojelualue) - 13 km²
  • Foreste "antiche" protette (Vanhat metsät) - 100 km²
  • Aree di protezione delle foche grigie (Hylkeidensuojelualue) - 190 km²
  • Altre aree protette su territorio dello Stato - 468 km²

Al di fuori delle aree protette il "diritto di ogni individuo"[25] permette a chiunque di accedere liberamente alle terre e alle acque, di raccogliere bacche e funghi.

 
Il lago Pielinen visto da una collina nel Parco nazionale di Koli.

ArteModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Arte finlandese.

ArchitetturaModifica

Tra i monumenti architettonici più antichi vi sono alcuni castelli di epoca medievale (Savonlinna, Hämeenlinna) e una settantina di chiese di pietra situate nella parte meridionale del paese prevalentemente lungo la costa, la combinazione fra lo scarso successo ottenuto dallo stile gotico e la prevalenza del legno come materiale da costruzione diede vita a uno stile proprio di cui rimangono numerose chiese di legno, anch'esse situate nella parte meridionale del paese (Kerimäki, Petäjävesi). Dagli inizi del XIX secolo, quando la Finlandia divenne un granducato russo iniziò un'influenza di stili orientali. Nella progettazione del centro di Helsinki e di molti edifici che vi si trovano l'architetto Carl Ludwig Engel si ispirò a San Pietroburgo. In seguito all'insofferenza per la dominazione russa, intorno al 1895 nacque un movimento neoromantico nazionalista finlandese di cui gli esponenti più noti furono Eliel Saarinen, Herman Gesellius, Armas Lindgren e Lars Sonck, questo movimento voleva individuare uno stile nazionale che si differenziasse dal "neoclassicismo romantico che rappresentava la maniera imperialista di Helsinki, costruita sotto gli auspici della Russia"[26]. Seguì l'epoca dell'Art Nouveau con lo stesso Eliel Saarinen e Josef Stenbäck. In seguito all'indipendenza dalla Russia (1917) si affermarono il razionalismo e il funzionalismo, di cui l'esponente di gran lunga più noto è stato Alvar Aalto. Tra gli architetti finlandesi di fama si ricordano Juha Leiviskä, Aino Aalto, Reima Pietilä, Pekka Helin, Timo e Tuomo Suomalainen.

Pittura e sculturaModifica

La pittura e la scultura sono scarsamente diffuse ed in prevalenza concentrate nel Sud, raramente Centro e praticamente assente nel Nord della Finlandia. Un'opera importante nell'arte finlandese è L'arresto di Gustavo IV Adolfo di Svezia. Le chiese e gli edifici antichi della Finlandia sono spesso in legno, ciò rende le decorazioni sui muri molto rare. I pittori finlandesi di maggior successo sono: Albert Edelfelt, Akseli Gallen-Kallela, Tove Jansson. Gli scultori invece: Raimo Heino, Wäinö Aaltonen.

LetteraturaModifica

Nel XVI secolo, epoca della Riforma, si distinse la figura del vescovo luterano e padre della lingua finlandese scritta Michele Agricola.

L'opera principale della letteratura finlandese è considerato il poema epico, composto da Elias Lönnrot e pubblicato nel 1835 dal titolo Kalevala. Significativo per la formante nazione finlandese fu anche l'autore in lingua svedese Johan Ludvig Runeberg (I racconti dell'alfiere Stål, 1848-60). E ancora Aleksis Kivi, che scrisse i Sette fratelli, primo romanzo il lingua finlandese. Nel 1939 fu conferito il Premio Nobel per la letteratura a Frans Eemil Sillanpää. Il libro più venduto in Finlandia, insieme alla Bibbia, è il romanzo Croci in Carelia di Väinö Linna pubblicato nel 1954. Uno degli autori viventi più noti internazionalmente è Arto Paasilinna. Un'altra persona importante nella letteratura finlandese è Tove Jansson. L'autrice finlandese, ma di lingua madre svedese ha scritto la famosa serie dei Mumin.

La rivista Settentrione si occupa dello scambio interculturale tra Finlandia e Italia, con traduzioni della letteratura italiana in finlandese e lo studio delle reciproche influenze letterarie. Ciò in virtù di una crescente presenza di emigrati italiani in terra finlandese che è stata analizzata[27] sul sito de La Rondine[28] giornale online di attualità e politica della locale comunità italiana.

FilosofiaModifica

Nel XVIII secolo si distinse la filosofia illuminista di Anders Chydenius (1729-1803), tra gli esponenti più autorevoli del liberalismo classico nei paesi nordici e sostenitore della scienza e delle arti.

Nel xx secolo ricordiamo invece la figura di Georg Henrik von Wright (1916-2003), tra i più noti filosofi finlandesi del xx secolo.

CinemaModifica

I registi più noti sono i fratelli Aki e Mika Kaurismäki che si occupano prevalentemente di cinema realista e hanno ottenuto riconoscimenti in diversi festival internazionali. Tra le opere più celebri di Aki,Ombre nel paradiso (Varjoja paratiisissa) del 1986.

MusicaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Brani musicali al numero uno in Finlandia (2017) e Album al numero uno in Finlandia (2017).

Nel campo della musica classica, il compositore finlandese più noto è Jean Sibelius, considerato un eroe nazionale fin dai tempi in cui era in vita, soprattutto per il suo Poema Sinfonico "Finlandia", dove racconta l'oppressione del suo popolo da parte dei russi. Tra i compositori contemporanei va ricordata la compositrice Kaija Saariaho.

Nell'ambiente rock e metal la Finlandia ha prodotto band con sonorità molto melodiche (in genere di matrice gothic metal, death metal, power metal e folk metal), spesso cantato in lingua locale, e usando talvolta strumenti del posto e sonorità locali (ad esempio gli Amorphis). La Finlandia è difatti anche terra prospera per gruppi puramente folk. Particolare ed estremamente underground è la scena cosiddetta weird-folk o free-folk, con artisti quali Islaja e Lau Nau fra le più relativamente famose[29].

Alcuni tra i gruppi più famosi sono Reckless Love, Värttinä, Loituma, Amorphis, Catamenia, Kalmah, Hanoi Rocks, The 69 Eyes, Sentenced, Ensiferum, Stratovarius, Turisas, Children of Bodom, HIM, Crimfall, The Rasmus, Nightwish, Sonata Arctica, Entwine, Moonsorrow, Lordi, Finntroll, Korpiklaani, i Kivimetsän Druidi, gli Apocalyptica, Leningrad Cowboys, Eläkeläiset, Alamaailman Vasarat e i Sunrise Avenue.

La Finlandia è stata la patria del genere estremo Funeral Doom metal, fra i più pesanti e underground esistenti: band iniziatrici del genere sono infatti state i finnici Thergothon e Skepticism[30].

Per la musica elettronica infine, ha avuto grande successo il dj Darude, soprattutto grazie al suo primo singolo trance Sandstorm, divenuto un vero e proprio successo mondiale tra il 1999 e il 2000, risultando il vinile 12 più venduto dell'anno 2000. In ambito hip hop, i Bomfunk Mc's sono diventati famosi grazie al singolo Freestyler uscito nell'anno 2000 anch'esso.

In Finlandia sono molto diffusi i gruppi di industrial metal, genere divenuto molto popolare soprattutto nei paesi scandinavi. Tra i più importanti si ricordano i Turmion Kätilöt e i Ruoska.[senza fonte]

Per quanto riguarda la musica da ballo esistono il tango finlandese (una variante più malinconica del tango argentino), l'humppa e lo jenkka. Il gruppo humppa più famoso sono gli Eläkeläiset, i quali riprendono canzoni internazionali reinterpretate in chiave humppa, servendosi di testi demenziali. Dal jenkka fu sviluppato il letkajenkka, che nel 1965 diventò un ballo alla moda sotto il nome letkiss. Tra gli autori e interpreti più celebri vi sono Georg Malmstén, Unto Mononen, Toivo Kärki, Olavi Virta e Einojuhani Rautavaara.

In Finlandia, negli anni del 2000, l'artista sordo Signmark ha spopolato nella musica rock finlandese con la lingua dei segni finlandese, spaziando tra pop, rock, hip hop e rap.

La Finlandia è infine uno dei paesi dove l'Eurovision Song Contest raggiunge percentuali di ascolto molto alte.[senza fonte] Non a caso è presente anche una selezione nazionale per determinare l'artista che ha il compito di rappresentare il paese al concorso, l'Uuden Musiikin Kilpailu. Nel 2006 la Finlandia vince l'Eurovision Song Contest con Hard Rock Hallelujah, cantata dal noto gruppo Lordi.

SportModifica

Lo sport nazionale è considerato il Pesäpallo (o "Boboll" o "Baseball finlandese"), uno sport simile al baseball statunitense e da questo discendente tramite una rielaborazione operata negli anni venti del Novecento da un ex discobolo finlandese.

In Finlandia sono molto popolari gli sport motoristici: infatti, essa ha dato i natali a numerosi protagonisti di sport automobilistici, quali i piloti di Formula 1 Mika Häkkinen, Kimi Raikkonen, Keke Rosberg e Valtteri Bottas, vincitori rispettivamente di due, uno e un titolo mondiale. Un altro pilota finlandese ad essere riuscito a vincere una gara in Formula 1 è Heikki Kovalainen, che riuscì per la prima e unica volta a vincere con la McLaren nel Gran Premio d'Ungheria 2008. È una delle nazioni con maggiori successi nel mondo dei rally. È infatti patria di numerosi piloti quali i campioni del mondo Ari Vatanen, Hannu Mikkola, Timo Salonen, Juha Kankkunen, Tommi Mäkinen, Marcus Grönholm, oltre a Henri Toivonen, Markku Alen, Mikko Hirvonen e Jari-Matti Latvala. Kankkunen e Makinen sono tra i piloti di rally più vittoriosi di sempre, essendo gli unici, oltre a Sebastien Loeb, ad essersi aggiudicati quattro titoli mondiali. È anche sede del Rally di Finlandia, detto 1000 Laghi, che è sempre stato, ad eccezione di un anno, parte del Campionato del Mondo Rally e costituisce una delle prove più avvincenti, difficili e spettacolari del mondiale. Da ricordare anche i motociclisti Mika Ahola (enduro), Mika Kallio (motociclismo su strada), e Jarno Saarinen, fra i protagonisti nel Motomondiale tra 1971 e 1973, campione del mondo nella classe 250 nel 1972, morto nella gara di Monza del 1973 insieme al pilota italiano Renzo Pasolini.

Anche l'atletica leggera in Finlandia è molto popolare, infatti nell'ultracentenaria storia dell'atletica leggera moderna, numerosi atleti finlandesi si sono messi in luce in varie discipline. In epoca più antica sono senza dubbio da ricordare i tre finlandesi volanti Paavo Nurmi, Hannes Kolehmainen e Ville Ritola, i quali si sono messi in luce in tutte le manifestazioni più importanti di allora; in modo particolare, è da ricordare Nurmi, vincitore di 12 medaglie olimpiche, ossia 9 d'oro (di cui 5 solo nell'edizione di Parigi 1924) e 3 d'argento.

Successivamente si sono particolarmente distinti i due specialisti nel tiro del giavellotto Aki Parviainen e Tero Pitkämäki, arrivati a ottenere rispettivamente la seconda e la settima migliore prestazione di tutti i tempi, con lanci da 93,09 m e 91,53 m.

Altra tradizione sportiva finlandese è l'orientamento (in finlandese "suunnistus"), diffusosi infatti con rapidità in tutta la Scandinavia. La pratica di questo sport è favorita anche dall'adatta conformazione lacustre del Paese. Si possono citare vari campioni a livello mondiale tra cui Reijo Mattinen e Pasi Ikonen, ma soprattutto la nove volte campionessa del Mondo Minna Kauppi.

Da non dimenticare anche gli sport invernali, in particolar modo l'hockey su ghiaccio, il cui massimo campionato è considerato uno dei più importanti a livello mondiale e la cui nazionale ha conquistato due titoli mondiali ed è ai massimi vertici globali. Nel salto con gli sci da ricordare Matti Nykänen, dominatore alle Olimpiadi e nei Mondiali negli anni '80, perla della grande tradizione finnica dei Flying Finns, come Veikko Kankkonen, Jouko Törmänen, Toni Nieminem.

TradizioniModifica

GastronomiaModifica

 
Leipäjuusto ("pane di formaggio") con marmellata di camemoro (more di rovo artico, Rubus chamaemorus).
 Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina finlandese.

La cucina finlandese è influenzata nella sua tradizione dal clima rigido del paese, che ad esempio rende difficile la coltivazione di frutta e verdura. A questo sopperiscono in parte le importazioni, che hanno consentito di rendere la cucina finlandese più internazionale. Il pesce è mangiato più della carne, che è prevalentemente di volatili. Hanno inoltre un'importanza particolare il latte, i frutti di bosco e le bacche; il pane duro di segale, avena e orzo che consente una lunga conservazione e permetteva di sopravvivere per tutto il lungo inverno anche nelle regioni settentrionali, ancora apprezzato dagli intenditori, vedi ad esempio il ruisreikäleipä.

In Finlandia la colazione prevede generalmente caffè lungo, cetrioli, formaggio, pane di segale, riso al latte, salumi, uova sode, yogurt e zuppa d'avena. Se da un lato la colazione è un vero e proprio pasto, dall'altro il pranzo è uno snack veloce. Infine c'è la cena che si svolge a partire dalle 17, in anticipo rispetto alla consuetudine italiana. Questa è generalmente abbondante, anche perché dovrà saziare fino alla colazione del giorno successivo, dalla quale la cena è separata da più di dodici ore. Pertanto essa è solitamente aperta da una zuppa, che può essere di funghi o di pesce, la quale è poi seguita dalla portata principale: questo può essere a base di carne di vitello, manzo o maiale, mentre a Pasqua su tutte le tavole finlandesi il piatto principale è l'agnello. Un'altra differenza tra i pasti italiani e quelli finlandesi è la presenza del latte nei secondi, in luogo del vino, generalmente d'importazione e perciò molto costoso.

Nella Finlandia lacustre il piatto preferito è naturalmente il pesce, soprattutto il persico, il salmone ed i cosiddetti muikku, corrispondenti ai coregoni bianchi; più rari i gamberi di fiume, diffusi prevalentemente nei mesi estivi. Nelle città meridionali, come ad esempio Espoo, Helsinki e Turku, si mangia pesce tutto l'anno; a fare da contraltare ci sono però la renna e l'alce, mangiate in Lapponia tutto l'anno.

 
La karjalanpiirakka tradizionale.

I Piirakka fanno parte dei piatti tradizionali finlandesi; Essi hanno due varianti: i Karjalanpiirakka (sono provenienti dalla Carelia (Karjalan = Careliano), consistente in un tortino di pasta di segale a forma di barchetta ripieno di riso. Ci sono poi i Perunapiirakka che contengono invece le patate (Perunat) al posto del riso. A tal proposito, è da segnalare la grande varietà di tipi di pane in Finlandia: si va infatti da quello integrale a quello di segale, da quello di frumento a quello di orzo. Tra le specialità locali, si distingue il "kalakukko" di Kuopio, pane di segale ripieno di bacon. Per quanto riguarda la coltivazione dei vegetali, va detto che a causa del clima essi in Finlandia sono quasi sempre coltivati in apposite serre: un'eccezione è rappresentata dai funghi, che in autunno crescono spontanei e abbondanti a causa delle forti piogge. Anche i formaggi, come accennato in precedenza, hanno una certa rilevanza sulla tavola finnica: molto apprezzato a livello nazionale è sicuramente il formaggio di capra.

FestivitàModifica

Le feste nazionali sono:

Data Nome Significato
5 febbraio Compleanno di Runeberg si celebra il compleanno del poeta nazionale Johan Ludvig Runeberg
28 febbraio Giorno del Kalevala si celebra il Giorno della Cultura Finlandese
19 marzo Giorno dell' Egualitarismo in onore alla nascita della scrittrice che ebbe un importante ruolo sociale, Minna Canth
9 aprile Giorno della Lingua Finlandese in onore alla data di morte del poeta Michele Agricola e di nascita del filologo Elias Lönnrot
12 maggio Giorno della Identità Finlandese in onore alla data di nascita dello statista Johan Vilhelm Snellman
4 giugno Compleanno di Carl Gustaf Emil Mannerheim Giorno di Carl Gustaf Emil Mannerheim, della Bandiera e celebrazioni delle Forze di Difesa Finlandesi
6 luglio Giorno di Eino Leino, della Poesia e dell' Estate si festeggia il compleanno dello scrittore Eino Leino e celebrazione della Poesia e dell' Estate
10 ottobre Giorno della Letteratura Finlandese in onore alla data di compleanno dello scrittore nazionale Aleksis Kivi
6 dicembre Giorno dell'indipendenza della Finlandia Festa nazionale ufficiale: celebra l'indipendenza dalla Russia, nel 1917
8 dicembre Giorno della Musica Finlandese in onore alla data di nascita del compositore finlandese Jean Sibelius

e ancora:

  • Vappu: festa del 1º maggio;
  • Joulu: il Natale in Finlandia;
  • Juhannus: festa dell'estate, la notte tra il venerdì e il sabato, tra il 20 giugno e il 26 giugno[31].

A parte le consuete festività comuni alla maggior parte dei paesi occidentali, si distinguono: l'importante festa tradizionale del solstizio d'estate, nel sabato fra il 20 e il 26 giugno, (dal 1955) in passato (fino al 1316) dedicata al dio finlandese Ukko, caratterizzata dai roghi (kokko) della tradizione della Carelia e occasione di festeggiamenti prolungati per giorni nelle strade; e la festa dell'indipendenza del 6 dicembre, ricorrenza (dal 1919) della dichiarazione di indipendenza dall'impero russo il 6 dicembre 1917, inizialmente meno sentita della festa del 16 maggio per la fine della guerra civile finlandese (1918).

NoteModifica

  1. ^ Il motto vapaa, vankka, vakaa (libera, solida, stabile), venne proposto come motto della nazione nel 1936, insieme alla scelta di un nuovo stemma (al posto del leone). La proposta sia dello stemma che del motto venne rifiutata e pertanto la Finlandia non ha un motto ufficiale.
  2. ^ (FI) Kielellisten oikeuksien edistäminen ja seuranta - Kielilainsäädännön soveltamista koskeva kertomus, in Kielilaki, Helsinki, 6 giugno 2003. URL consultato il 1º settembre 2011.
    «Suomen kansalliskielet ovat suomi ja ruotsi.».
  3. ^ La legislazione finlandese non parla di lingue ufficiali ma definisce soltanto il finlandese e lo svedese come lingue nazionali. Essa tutela inoltre, grazie al paragrafo 37, le lingue sami, dei rom e quella dei segni finlandese.
  4. ^ a b c Finlandia (Atlante Geopolitico Treccani), su treccani.it. URL consultato il 29 dicembre 2014.
  5. ^ (EN) MPs vote Sipilä in as Prime Minister – result not unanimous, Yle.fi, 28 maggio 2015. URL consultato il 28 maggio 2015.
  6. ^ (EN) Population growth rate, su CIA World Factbook. URL consultato il 17 marzo 2015.
  7. ^ World Economic Outlook Database, imf.org, ottobre 2013. URL consultato l'8 marzo 2014.
  8. ^ Tasso di fertilità nel 2010, su data.worldbank.org. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  9. ^ (FI) Valtiosääntö, in Costituzione della Finlandia. URL consultato il 20 luglio 2011.
    «Suomi on täysivaltainen tasavalta.».
  10. ^ Rana Foroohar, The Best Countries in the World, Newsweek, 16 agosto 2010. URL consultato il 15 novembre 2014.
  11. ^ Finnish forests resources increase, su forest.fi. URL consultato l'8 marzo 2014.
  12. ^ Bethan Davies, Postglacial rebound, su antarcticglaciers.org. URL consultato il 5 maggio 2013.
  13. ^ Ministero dell'Ambiente finlandese Viene definita "lago" una massa d'acqua con superficie maggiore di 500 m²
  14. ^ (FI) Juhana Aunesluoma, Heikkonen, Esko; Ojakoski, Matti, Lukiolaisen yhteiskuntatieto, WSOY, 2007, ISBN 951-0-27627-8.
  15. ^ a b (EN) Population (Foreigners in Finland), Statistics Finland. URL consultato l'11 giugno 2007.
  16. ^ a b c (FI) Dati dell'Istituto finlandese di statistica
  17. ^ Syntymäpaikan perusteella lapsi saa Suomen kansalaisuuden silloin, kun lapsi syntyy Suomessa eikä voi saada minkään vieraan valtion kansalaisuutta: Copia archiviata, su migri.fi. URL consultato il 30 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2013).
  18. ^ Country reports and charts available, su WHO website - Mental health, World Health Organization, 2008. URL consultato il 16 settembre 2008.
  19. ^ Dati dell'Istituto nazionale finlandese di statistica, anno 2008
  20. ^ Population of mainland Finland (excluding Åland) according to language, 1990-2015 Archiviato il [Data mancante], in Archive.is Statistics Finland
  21. ^ (FI) Statistica delle lingue parlate in Finlandia (Centro statistico finlandese)
  22. ^ Ente statistico finlandese (Dati di dicembre 2010)
  23. ^ (EN) www.kela.fi
  24. ^ (EN) Consiglio d'Europa: FOLLOW-UP REPORT ON FINLAND (2001 – 2005). Assessment of the progress made in implementing the recommendations of the Council of Europe Commissioner for Human Rights
  25. ^ (EN) Everyman's right
  26. ^ Kenneth Frampton, Storia dell'architettura moderna, Bologna, 1982, p.224
  27. ^ Nicola Guerra e Claudia Vardanega, Il forum de La Rondine per chi cerca lavoro e casa in Finlandia. Il richiamo del paese nordico per i lavoratori e gli studenti italiani: un’analisi semantica, larondine.fi. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  28. ^ Sito ufficiale, su larondine.fi. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  29. ^ ondarock.it, http://www.ondarock.it/speciali/abc_decenniozero.htm.
  30. ^ Nocturnal horde, su nocturnalhorde.com.
  31. ^ Cosa è Juhannus?

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica