Apri il menu principale
Henning Christophersen

Commissario europeo per gli Affari Economici e Finanziari
Durata mandato 6 gennaio 1989 –
6 gennaio 1995
Presidente Jacques Delors
Predecessore Peter Schmidhuber
Successore Yves-Thibault de Silguy

Commissario europeo per il Bilancio e il Controllo Finanziario, il Personale e l'Amministrazione
Durata mandato 6 gennaio 1985 –
6 gennaio 1989
Presidente Jacques Delors
Predecessore Christopher Tugendhat (Bilancio e controllo finanziario)
Michael O'Kennedy (Personale ed amministrazione)
Successore Peter Schmidhuber (Bilancio e controllo finanziario)
Antonio Cardoso e Cunha (Personale ed amministrazione)

Henning Christophersen (Copenaghen, 8 novembre 1939Bruxelles, 31 dicembre 2016) è stato un politico danese, esponente del Partito Liberale Danese. È stato ministro e commissario europeo.

Indice

BiografiaModifica

FormazioneModifica

Christophersen si laureò in economia all'università di Copenaghen[1].

Cominciò la carriera professionale come consulente della Camera danese delle piccole e medie imprese[2].

Carriera politicaModifica

Christophersen cominciò la carriera politica nell'ambito del movimento giovanile del Partito Liberale Danese[3].

Nel 1971 venne eletto membro del parlamento, svolse l'incarico ininterrottamente fino alla fine del 1984[3].

Leader del Partito liberale e ministroModifica

Nel 1972 venne eletto vicesegretario del Partito Liberale Danese e nel 1978 ne divenne leader, rimanendo in carica fino al 1984[3].

Dopo la vittoria elettorale del 1978, Christophersen divenne ministro degli affari esteri nel governo di Anker Jørgensen[3]. Svolse l'incarico fino al 1979, quando venne nominato membro del consiglio della banca centrale danese[1]. Dal 1982 al 1984 fu ministro delle finanze e vice primo ministro nel governo di Poul Schlüter[3].

Commissario europeoModifica

Nel 1985 Christophersen entrò in carica come membro della Commissione Delors I, come commissario europeo per il bilancio e il controllo finanziario, il personale e l'amministrazione e vicepresidente della Commissione. Servì anche nelle successive commissioni Delors II e Delors III (1989-1995) in qualità di Commissario europeo per gli affari economici e finanziari.

Christophersen si occupò dell'Unione monetaria europea e della pianificazione della creazione di una moneta unica europea[1].

Dal 2002 al 2003 Christophersen fece parte della Convenzione europea come rappresentante del primo ministro danese[3].

Altre attivitàModifica

Dal 1995 Christophersen svolge attività di consulenza su questioni europee[3]. È stato consulente del governo ceco e del governo svedese[4]. È membro del Consiglio danese per la politica europea e presidente del consiglio direttivo dell'Istituto europeo di pubblica amministrazione di Maastricht[2][4]. È tra i fondatori del think tank "Forum Europa"[5]

È stato ed è membro dei consigli di amministrazione e dirigente di una serie di società, tra cui Danske Bank, Kreab, Metro, SCANCEM, Örestad Development Cooperation, Scania e CMO Holding[2][4].

Dal 1998 al 2006 presiedette l'"Energy Charter Conference"[4].

Vita personaleModifica

Christophersen era sposato ed aveva tre figli[4].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Henning Christophersen, Celebrity Speakers. URL consultato l'8 agosto 2011.
  2. ^ a b c (EN) Henning Christophersen, The London Speaker Bureau. URL consultato l'8 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2011).
  3. ^ a b c d e f g (DA) Henning Christophersen, Den Store Danske. URL consultato l'8 agosto 2011.
  4. ^ a b c d e (EN) Henning Christophersen (PDF), EU Oplysningen, Folketinget. URL consultato l'8 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Henning Christophersen[collegamento interrotto], Forum Europa. URL consultato l'8 agosto 2011.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN262215362 · ISNI (EN0000 0003 8162 2081 · LCCN (ENno98066422 · GND (DE170105202