Hermann Nestel

pittore tedesco

Hermann Nestel (Stoccarda, 10 maggio 1858Bordighera, 1905) è stato un pittore e paesaggista tedesco.

BiografiaModifica

Hermann Nestel era nato a Stoccarda e fin da giovane aveva dimostrato una particolare attitudine per le arti figurative. Iniziò la sua formazione artistica nella sua città natale poi si trasferì a Monaco di Baviera e a Berlino. Come molti artisti dell'epoca, fece il suo viaggio in Italia per completare la sua formazione artistica.

Nel 1882 fu incaricato dall'editore tedesco Wilhelm Spemann d'illustrare la costa ligure e francese, da Nizza a La Spezia. I disegni di Nestel servirono a illustrare il volume “Die Riviera”, scritto da Woldemar Kaden.[1]

Nel 1887 decise di stabilirsi definitivamente a Bordighera. Lì conobbe il botanico e architetto paesaggista Ludwig Winter con il quale si legò d'amicizia. A Bordighera continuò a collaborare con gli editori tedeschi, in particolare con le riviste “Gartenlaube” e “Über Land und Meer”.[2]

A Bordighera una figlia di Nestel sposò Antonio,[3] il primogenito di Ludwig Winter e iniziò con lui anche una collaborazione nella realizzazione dei giardini, senza comunque interrompere la sua attività di pittore. Uno dei suoi quadri più belli è senza dubbio il “Vallone del Sasso” oggi conservato all'Istituto Internazionale di Studi Liguri (IISL).

Il pittore amava rappresentare nei suoi quadri non solo i paesaggi, ma anche la vita bordigotta, molto noto il quadro “Pomeriggio a Bordighera” che rappresenta dei pescatori e gli scogli. Ebbe l'occasione di esporre le sue opere non solo a Bordighera, memorabile fu quella al “Victoria Hall” di via Vittorio Veneto[4], ma anche a Torino e in Germania.[5]

Naturalmente Nestel frequentava quello stretto gruppo d'intellettuali e artisti che aveva tanto arricchito la vita della cittadina ligure, come Pompeo Mariani, Giuseppe Ferdinando Piana, Charles Garnier, Clarence Bicknell e naturalmente i connazionali Ludwig Winter e Friederich von Kleudgen.

Purtroppo morirà giovane, a soli 47 anni, nel 1905. La sua tomba si trova nel cimitero di Bordighera.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN37990861 · GND (DE129171263 · WorldCat Identities (EN37990861