Idrieo
SATRAPS of CARIA. Hidrieus. Circa 351-0 to 344-3 BC.jpg
Satrapo di Caria
In carica 351 a.C. –
344 a.C.
Predecessore Artemisia II
Successore Ada
Morte 344 a.C.
Luogo di sepoltura Labranda (o Labraunda)
Dinastia Ecatomnidi
Padre Ecatomno
Consorte Ada

Idrieo (in greco antico: Ἱδριεύς, Hidrieús; ... – 344 a.C.) è stato un nobile persiano, satrapo della Caria dal 351 al 344 a.C..

BiografiaModifica

Idrieo era il secondo figlio di Ecatomno, satrapo di Caria, e succedette alla sorella Artemisia II (succeduta a sua volta al fratello e marito Mausolo) nel 351 a.C..

L'unico fatto degno di nota del suo regno è l'invio di 40 triremi e 8 000 mercenari per la riconquista persiana di Cipro, ad opera del re persiano Artaserse III. L'isola infatti si era ribellata con altri governanti della Fenicia e dell'Asia Minore, e perciò Artaserse ordinò ad Idrieo di fornire delle truppe per invadere Cipro al comando di Focione ed Evagora.

Tuttavia, secondo Isocrate, dal 346 a.C. circa, le relazioni tra il satrapo e il re si incrinarono, anche se ciò non sembra aver interferito con la prosperità della Caria. Infatti Isocrate lo descrive come uno dei satrapi più ricchi e potenti della regione, e secondo Demostene, Idrieo aggiunse ai suoi domini le isole di Chio, Coo e Rodi.[1][2]

Idrieo inoltre dovette terminare la costruzione del Mausoleo di Alicarnasso, iniziato dalla sorella Artemisia II per tumulare il fratello e marito Mausolo, e rimasto incompiuto a causa della sua morte. Durante il suo regno si impegnò anche per il restauro del tempio di Zeus di Labranda (o Labraunda), e qui fu sepolto dopo la morte avvenuta nel 344 a.C..

A lui succedette la sorella e moglie Ada.

NoteModifica

  1. ^ Demosthenes, On the Peace, section 25, su www.perseus.tufts.edu. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  2. ^ Isocrates, To Philip, section 103, su www.perseus.tufts.edu. URL consultato il 28 dicembre 2018.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica