Imamato di Aussa

Imamato di Aussa
Dati amministrativi
Lingue parlatesomalo
CapitaleAussa
Politica
Forma di StatoMonarchia
Forma di governoSultanato
Nascita1559
FineXVIII secolo
Territorio e popolazione
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Religione di StatoIslam
Evoluzione storica
Preceduto daSultanato di Harar
Succeduto daSultanato di Aussa
Ora parte diEtiopia Etiopia

L'Imamato di Aussa, o Imamato di Awsa, fu un imamato harari medievale nell'odierna Etiopia, che aveva Asaita come capitale, e che continuò l'opera di sultanati di Harar e Adal.

StoriaModifica

Nel 1647, i sovrani dell'emirato di Harar si ruppero dalla loro politica. Gli imam Harari continuarono la loro presenza nel sud della Regione degli Afar, fin quando non vennero deposti nel XVIII secolo dalla dinastia Mudaito degli Afar che in seguito fondarono il Sultanato di Aussa.[1] L'ultimo sovrano della dinastia, Imam Selman, fu ucciso nel 1750.[2]

SovraniModifica

Nome Regno Note
1 Imām Maḥamed "Jāsa" Ibrahim 1577 - 1583 Parente dell'Imām Aḥmed Gurēy, spostò la capitale ad Awsa e nominò suo fratello (omonimo Maḥamed) come Wazir di Harar. Morì combattendo i Warra Daya nel 1583.
2 Imām Saʿadaddīn Maḥamed 1583 - 1585 Figlio dell'Imām Maḥamed "Jāsa" Ibrahim
3 Imām Ṣabraddīn Ādan 1585 - 1613 Nipote dell'Imām Maḥamed "Jāsa" Ibrahim, e nipote dell'Imām Saʿadaddīn Maḥamed.
4 Imām Ṣadiq Ṣabraddīn 1613 - 1632 Figlio dell'Imām Ṣabraddīn Ādan
5 Malāq Ādan Ṣadiq 1632 - 1646 Figlio dell'Imām Ṣadiq Ṣabraddīn
6 Imām Aḥmed Abrām 1646 - 1647 Nipote dell'Imām Ṣadiq Ṣabraddīn, e nipote di Malāq Ādan Ṣadiq. Dopo la sua morte, il popolo di Harar rifiutò ʿUmardīn Ādan come sovrano, e si spostò per formare l'emirato di Harar.
7 Imām ʿUmardīn Ādan 1647 - 1672 Figlio di Malāq Ādan Ṣadiq, il suo imamato fu distrutto dagli Afar dei Mudaito.

NoteModifica

  1. ^ Willie Page, Encyclopedia of africaN HISTORY andCULTURE (PDF), Facts on File inc, p. 4. URL consultato il 2 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2019).
  2. ^ (EN) Fani Sara, IslHornAfr 6thField Mission Report (PDF), University of Copenhagen, p. 8. URL consultato il 26 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2020).
  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia