Iperbato

figura retorica
(Reindirizzamento da Iperbati)
(LA)

«Hyperbaton est in eodem sensu perlonga dictionis dilatio et transgressio quaedam verborum ordinem turbans.»

(IT)

«L'iperbato è nello stesso senso una prolungata dilazione del discorso e una qualche trasposizione che stravolge l'ordine delle parole.»

L'ipèrbato (dal greco antico: ὑπερβατόν?, hyperbatòn, "trasposizione", da ὑπερ-βαίνω, «(io) oltrepasso») è una figura sintattica che prevede un allontanamento di una parola da un'altra alla quale dovrebbe essere vicina.

Mentre l'anastrofe rappresenta un'inversione tra due elementi nell'ordine naturale delle parole all'interno di una frase, l'iperbato rappresenta l'incunearsi di un elemento all'interno di un altro.

Affine all'iperbato è anche l'epifrasi, che consiste nello spostare un gruppo di parole al termine di un enunciato per definirne meglio il significato.

Negli esempi che seguono viene sottolineato il primo termine, spezzato dal secondo che viene invece evidenziato in grassetto.

«[...] ma valida
venne una man dal cielo,
e in più spirabil aere
pietosa il trasportò;»

«... tardo ai fiori
ronzìo di coleotteri»

«...e 'l vago lume oltra misura ardea di quei begli occhi...»

«...Giovin signore, o a te scenda per lungo di magnanimi lombi ordine il sangue...»

«... Domandò lor perdono, che d'amore
Ch'a un giovinetto avea portato, spinta,»

Nella poesia italiana l'iperbato ha il duplice intento sia di porre in rilievo parole o sintagmi che diversamente apparirebbero trascurabili, sia di rievocare con intento arcaizzante la sintassi della lingua latina in cui quelli che in italiano sono iperbati erano invece percepiti come costrutti di uso comune.

Se combinato con il parallelismo, la figura retorica risultante viene detta sinchisi.

Note modifica

  1. ^ (LA) Diomedes, Artis grammaticae libri III, in Henricus Keilius (a cura di), Grammatici Latini, vol. 1, Lipsiae, in aedibus B.G. Teubneri, 1857, p. 460.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica