Isola delle Lepri

Isola delle Lepri
RUS-2016-Aerial-SPB-Peter and Paul Fortress.jpg
Vista aerea dell'isola
Geografia fisica
Coordinate59°56′59″N 30°18′59″E / 59.949722°N 30.316389°E59.949722; 30.316389Coordinate: 59°56′59″N 30°18′59″E / 59.949722°N 30.316389°E59.949722; 30.316389
Geografia politica
StatoRussia Russia
Centro principaleSan Pietroburgo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Isola delle Lepri
Isola delle Lepri
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola delle Lepri[1] (in russo Заячий остров) è un'isola situata nel fiume Neva a San Pietroburgo in Russia. È separata dal canale Kronverksky dall'isola di Petrogradsky a nord, a cui è collegato dai ponti Kronverksky e Ioannovsky.[2]

StoriaModifica

 
Vista della fortezza di Pietro e Paolo posta sull'isola

L'isola era in gran parte paludosa e disabitata fino al 1703, quando Pietro il Grande iniziò la costruzione della fortezza di Pietro e Paolo, ponendo egli stesso le pietre di fondazione.[3] Fino alla fine del XIX secolo, c'erano tre canali all'interno della fortezza, che dividevano l'isola in quattro parti. I canali furono chiusi alla fine del XIX secolo.

Sull'isola vi è costruita la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, dove sono sepolti anche molti membri della Casata dei Romanov. Il 17 luglio 1998 i resti dello Zar Nicola II e della sua famiglia furono sepolti lì, ottanta anni dopo la loro morte.

Durante il Terrore rosso, l'isola fu il luogo di svariati massacri. Alcune stime indicano che il numero di corpi sepolti sono centinaia e potenzialmente migliaia.[4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Е. А. Bondarchuk e P. Y. Yudin, Zayachy Island, su britannica.com. URL consultato il 27 marzo 2020.
  2. ^ (EN) Peter-Paul Fortress, su encspb.ru. URL consultato il 27 marzo 2020.
  3. ^ (EN) St. petersbourg (TXT), su www1.cs.columbia.edu. URL consultato il 27 marzo 2020.
  4. ^ (EN) Catriona Bass, A national museum to the victims of Stalinist repression: words not deeds?, su opendemocracy.net. URL consultato il 27 marzo 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica