Isola di Zanara
Zanara nella carta del 1589 di Gerardo Mercatore.jpg
Zanara raffigurata nella carta della Tuscia del 1589 di Gerardo Mercatore.
Geografia fisica
LocalizzazioneItalia, sommersa nel Mar Tirreno
Coordinate42°17′26″N 11°00′05.7″E / 42.290556°N 11.001583°E42.290556; 11.001583Coordinate: 42°17′26″N 11°00′05.7″E / 42.290556°N 11.001583°E42.290556; 11.001583
Cartografia
Mappa di localizzazione: Toscana
Isola di Zanara
Isola di Zanara

Zanara

voci di isole presenti su Wikipedia

Zanara o Zanera, era il nome di un’isola situata dinnanzi a Monte Argentario, riportata sulle carte rinascimentali esattamente a metà rotta, tra il Giglio e Giannutri, tra il 1589 e il 1720. L’isola venne segnalata per la prima volta nella mappa dedicata alla Tuscia dal cartografo e astronomo Gerardo Mercatore e successivamente riportata in numerose mappe antiche da illustri cartografi, tra i quali: Petrus Bertius, Giovanni Antonio Magini, Nicolas Sanson.[1] Tutti questi cartografi antichi hanno rappresentato Zanara, in una zona conosciuta come Secca della Vedova o Secca di mezzo canale, nel XXI secolo meta per sub e pescatori, situata a circa trenta metri di fondale.

Zanara è riprodotta nel 1670 nella Carta di Stato del Papa e del Granducato di Toscana, poi nel Settecento, quando le mappe diventano più aggiornate l'isola scompare.

L'isola è menzionata negli scritti di Mamiliano di Palermo, il santo del V secolo il cui tesoro è stato ritrovato a Sovana, che sarebbe vissuto a Montecristo e, secondo alcune storie, si sarebbe prima fermato a Zanara.[2]

NoteModifica

  1. ^ Sito barche d'epoca e classiche, su barchedepocaeclassiche.it. URL consultato il 2 giugno 2017.
  2. ^   L'isola di Zanara, RAI, 27 luglio 2013, a 0:03:48. URL consultato il 2 giugno 2017.
    «Video di approfondimento - Zanara l'isola che non c'è.».

Voci correlateModifica