Apri il menu principale
Istakhr
Estakhr Darafsh (50).JPG
Nome originale ﺍﺳﺘﺨﺮ
Cronologia
Fondazione Dinastia achemenide
Fine Dopo la conquista islamica della Persia
Causa Distruzione e graduale abbandono dopo la ricostruzione
Amministrazione
Territorio controllato Capitale sasanide durante il regno di Ardashir I
Localizzazione
Stato attuale Iran Iran
Coordinate 29°58′N 54°34′E / 29.966667°N 54.566667°E29.966667; 54.566667Coordinate: 29°58′N 54°34′E / 29.966667°N 54.566667°E29.966667; 54.566667
Cartografia
Mappa di localizzazione: Iran
Istakhr
Istakhr

Istakhr (persiano: ﺍﺳﺘﺨﺮ‎, Estakhr) è stata un'antica città situata nell'Iran meridionale, nella provincia di Fars, cinque chilometri a nord di Persepoli. Fu una città assai prospera durante l'epoca persiana achemenide.

StoriaModifica

Inizialmente, Istakhr fu una città achemenide e per un certo periodo fu capitale sasanide durante il regno di Ardashir I, prima che la capitale fosse trasferita a Ctesifonte. Durante il periodo sasanide il tesoro imperiale sasanide, conosciuto come ganj-e shāhīgān, si dice si trovasse a Istakhr.

Nel 915-16, Masʿūdī stesso vide in una casa di Istakhr, posseduta da un nobile persiano, "il più lungo e assai raffinato manoscritto" di un'opera copiata nel 731 dai documenti originali del tesoro imperiale.[1]

Istakhr bruciò totalmente durante la conquista islamica della Persia. Dopo essere stata ricostruita, la città perse importanza a causa della concorrenza della vicina Shiraz. Oggi sopravvivono solo i suoi resti archeologici.

NoteModifica

  1. ^ Mary Boyce, «Estakhr, II. centro religioso zoroastriano» «Istakhr», in: Encyclopedia Iranica, 1998, I, pp. 643-46[collegamento interrotto].

Collegamenti esterniModifica

  • Scavi di Estakhr, su ssnv.org. URL consultato l'11 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
Controllo di autoritàVIAF (EN250991896 · LCCN (ENn2012221461 · WorldCat Identities (ENn2012-221461